MUD 2020: ecco il modello da inviare entro il 30 aprile

In prossimità dell’inizio della primavera, fare il punto della situazione in tema di rifiuti, se si è dei produttori, non è per niente una cattiva idea. Già dalle recenti comunicazioni, è stato divulgato dall Ministero dell'Ambiente  che il modello di dichiarazione ambientale (cd. MUD), allegato al decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 24 dicembre 2018, pubblicato nel Supplemento ordinario n. 8 alla Gazzetta ufficiale del 22 febbraio 2019, è accertato e sarà impiegato per le dichiarazioni da presentare, entro il 30 aprile 2020, facente riferimento all’anno 2019. Rispetto all’anno passato sono rimaste totalmente immutate  le informazioni da comunicare, le modalità per la trasmissione e tutte le istruzioni per la compilazione del modello. Sostanzialmente quindi il MUD resta lo stesso dell’anno passato, basta attenersi alla comunicazione in via telematica entro il 30 Aprile del 2020.

Le comunicazioni

Uno degli allegati al decreto, specifica l'articolazione del MUD in comunicazioni, i quali in sostanza devono essere presentate dagli interessati tenuti all'adempimento. Confermate sono le novità in termini di adempimenti integrate già con il DPCM 28 dicembre 2017, come:

  1. Tutti coloro i quali sono in possesso di autorizzazioni all’attività di recupero o smaltimento rifiuti dovranno mandare un avviso, tramite la scheda SA-AUT, con una carrellata di informazioni relative alle autorizzazioni.

  2.  Comunicazione Rifiuti Semplificata, la quale dovrà essere compilata attraverso l’applicazione disponibile sul sito omonimo. Essa non potrà essere compilata manualmente e spedita attraverso mezzi postali.

  3. Il Conai dovrà infine comunicare, alla Sezione nazionale del Catasto dei rifiuti, le stime sull'utilizzo annuale di borse di plastica di materiale leggero, acquisiti dai produttori e dai distributori di plastic-bag, in attuazione di quanto previsto dall’articolo “Obbligo di relazione sull'utilizzo delle borse di plastica”.

I riferimenti normativi

La legge 70/1994 è quella che garantisce che tutti gli obblighi di dichiarazione, di comunicazione, di denuncia, di notificazione, previsti dalle leggi, dai decreti, dalle norme attuare in materia ambientale e di sicurezza pubblica, siano soddisfatti attraverso la presentazione del MUD direttamente alla Camera di commercio, Industria ed Artigianato e Agricoltura. Tutti coloro che svolgono attività di esclusivo trasporto senza la  detenzione, devono invece occuparsi di presentare il MUD alla Camera di commercio della provincia di appartenenza nel cui territorio ha sede la sede ufficiale dell'impresa cui la dichiarazione si riferisce. Obbligatorio per tutti coloro che devono presentare la dichiarazione è quello di presentare un MUD per ogni unità locale che sia obbligata alla presentazione di dichiarazione, di comunicazione, di denuncia e, infine, di notificazione. Novaecologica ha alle spalle un’esperienza notevole nel campo dello smaltimento dei rifiuti e non manca mai di normalizzare le sue operazioni e di renderle nel vivo della legalità: contattarla nel caso in cui ci fosse nei paraggi un rifiuto speciale, è la scelta più etica che si possa fare.

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi