Trending Categories

Popular Posts

L’importanza dell’essenzialità

Ogni qualvolta visitiamo una nuova casa, istintivamente, non facciamo altro che guardarci intorno per i primi minuti, rischiando anche di essere poco discreti o disattenti a ciò che ci accade intorno.
Nonostante non tutte le persone lo facciano, vi sono comunque quelle attente ad ogni minimo dettaglio, non per qualche motivo in particolare, ma per semplice curiosità.
In genere quest’atteggiamento di ‘’analisi’’ viene assunto da chi vuole effettuare dei cambiamenti nella propria abitazione o, al contrario, sta per comprare una nuova casa e desidera trarre l’ispirazione per renderla il più confortevole possibile.
Ecco dunque che spesso è l’essenzialità di alcuni luoghi a colpire l’occhio dei più attenti, inclini a notare in essa le caratteristiche presenti e funzionali senza farsi distrarre da decorazioni o elementi di natura puramente estetica, altrettanto necessari, ovviamente.

“Minimal-art”

Con il termine “minimalismo” o “minimal art” s’intende una corrente trans-artistica sviluppatasi nella seconda metà del ventesimo secolo e che ha raggiunto il maggior successo nei nostri giorni.
Essa si presenta come una contrapposizione al sovraccarico di segni, forme e colori che gli stili espressivi dei secoli precedenti avevano realizzato e diffuso.
La definizione di questa corrente artistica fu coniata dal filosofo dell’arte inglese Richard Wollheim e adottò il termine “minimale” proprio per indicare la tendenza alla riduzione di ciò che risulta superfluo in favore della semplicità che viene, al contrario, valorizzata.
Tutto ciò che caratterizza questa tipologia di design e di arte finisce per racchiudersi in quello che diverrà lo slogan dell’intero movimento: “less is more” .
Nonostante inizialmente venne percepita come pura moda adesso è una delle massime espressioni dello stile moderno/contemporaneo come consapevolezza estetica e ricerca di equilibrio.

Valorizzazione dello spazio

L’equilibrio non può che derivare dalla valorizzazione dello spazio disponibile, uno spazio che va gestito e portato all’estremo.
Se l’essenzialità fa al caso vostro e quindi credete nell’armonia espressa da pochi elementi e dalle loro forme allora il minimalismo potrebbe fare per voi.
Nonostante si pensi che esso possa riguardare solo l’arredamento, in realtà anche gli elementi costitutivi dell’abitazione possono essere costruiti con occhio minimalista.
Un esempio su tutti sono gli infissi e i serramenti, dei primi si occupa l’agenzia AeP Infissi che, tra le varie offerte, si occupa anche di infissi in PVC a Roma, uno dei tipi maggiormente utilizzati e richiesti negli ultimi anni.
Gli infissi ‘’minimali’’ sono in genere molto grandi al fine di utilizzare tutto lo spazio disponibile e per conferire il massimo apporto di luce possibile, il design è semplice, simmetrico ed i colori sono sobri (in genere vengono utilizzati il bianco ed il beige).

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi