I rifiuti R.A.E.E

Tutti noi a casa possediamo sicuramente una vecchia tv a tubo catodico, dei vecchi videoregistratori inutilizzati, delle cassette VHS di una vecchia serie anni novanta. Con il rinnovamento tecnologico, l’esigenza di svecchiare i propri elettrodomestici si fa più pressante e il desiderio di non gettare tutto nel cestino in balia dei ricordi si fa, in qualche modo, presente. Purtroppo però a volte eliminare il vecchio per il nuovo è necessario, ed ecco qui che cominciano ad ammassarsi i rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche. Questa tipologia di rifiuto è molto particolare e il possessore deve capire come disfarsene secondo la legge e la tutela ambientale. Per fortuna il mondo oggi agevola questo tipo di gestione rifiuti, infatti spesso sono gli stessi negozi di elettronica che, in occasione di una vendita, offrono la soluzione più immediata per il corretto smaltimento.

La classificazione: domestici e professionali

Sulla base della loro origine, questi rifiuti si dividono in domestici o professionali, in relazione al fatto che siano derivanti da nuclei domestici o da attività industriali e/o commerciali di altro tipo. La materia giuridica insegna che l’amministrazione di questa specifica tipologia di rifiuti, nasce dal recepimento di diverse direttive comunitarie del settore e, per i seguenti anni, rientrano nell’ambito di applicazione delle stesse in 10 diverse categorie AEE. All’interno della classificazione possiamo trovare:

  • I grandi elettrodomestici, come congelatori, lavastoviglie, frigoriferi e apparecchiature per la cottura;
  • Elettrodomestici piccoli, come frullatori, apparecchiature per la pulizia, diverse macchine per la produzione tessile e orologi;
  • Apparecchi di consumo, come videoregistratori, videocamere e strumenti per fare musica;

  • Giocattoli nonché apparecchiature sportive e per il tempo libero, come i videogiochi, la console e le apparecchiature sportive;

  • I dispositivi medici;

  • I distributori automatici.

I ruoli nella gestione dei rifiuti RAEE

La gestione dei RAEE ha il compito di privilegiare tutte quelle operazioni improntate al riutilizzo o alla preparazione per il riavvio della vita del rifiuto, dei loro componenti e di tutti i materiali di consumo con l’obiettivo di permettere un utilizzo efficiente nelle risorse. Nell’ottica di rispettare queste priorità, sono tanti i ruoli in gioco, da parte di diversi soggetti, nella gestione del sistema RAEE, anche in base alle diverse classificazioni tra domestici e quelli utilizzati nell’ambito professionale. Per i secondi viene messo in atto un sistema doppio, quello che vede una classificazione tra i RAEE storici e quelli non storici: i primi sono stati immessi nel mercato prima del 2010, mentre i secondi vengono spesso sostituiti con nuove apparecchiature.
Di fronte alla varietà di rifiuti che esistono e che possono essere prodotti, è buona norma essere a conoscenza del registro carico e scarico dei rifiuti, di cui Nova Ecologica da sempre supporta nella compilazione per tantissime aziende

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi