L’innocenza di Pamuk in un museo. E ora in un film

studio-pamuk

Una collezione maniacale di oggetti, una storia d’amore nel limbo, cupole e minareti. L’acqua del Bosforo che, con il suo scorrere, unisce gli anni Settanta al presente. E un museo che, nato dalle pagine di un romanzo, diventa catalogo dell’identità della Turchia contemporanea, sempre in bilico tra la gloriosa tradizione ottomana, il richiamo dell’Occidente, le contraddizioni e le tensioni recenti. Ora un ultimo salto, dalla letteratura al grande schermo: approda stasera alla mostra d…
viaggi.corriere.it

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi