La Baia dei Turchi

La Baia dei Turchi

A pochi chilometri a nord di Otranto si trova la Baia dei Turchi, un meraviglioso paesaggio naturale caratterizzato da sabbia bianca all’ombra di una pineta. La Baia appartiene all’Oasi protetta dei Laghi Alimini (uno degli ecosistemi più importanti del Salento), dichiarata come sito di importanza comunitaria. Inoltre, nel 2007 il FAI (Fondo per l’Ambiente Italiano) ha inserito questo luogo splendido tra i primi 100 luoghi da tutelare in Italia. La Baia dei Turchi sfoggia poi con orgoglio la bandiera Blu ed anche il rinomato riconoscimento 5 Vele di Legambiente.

Come ogni luogo nel Salento anche la Baia dei Turchi vanta una sua tradizione, un ruolo all’interno della storia del paese e della Puglia in particolare. Infatti, il nome della Baia trae origine dall’evento durante il quale su questa spiaggia, per evitare le imponenti mura della città, sbarcarono i guerrieri turchi durante l’assedio di Otranto (nel 1480): essi poi espugnarono la stessa città e condannarono a morte centinaia di persone.

La Baia dei Turchi è quindi un posto storico ma anche affascinante dal punto di vista paesaggistico: la lingua di sabbia bianca è costeggiata dalla vegetazione tipica della macchia mediterranea. Nella pineta sono presenti aree attrezzate in cui noleggiare ombrelloni e sdraio, bar per consumare bevande fresche o mangiare un boccone in pausa pranzo.

Non mancano però i tratti di spiaggia libera e le aree adibite per i pic-nic, per comitive o famiglie.

Il mare è limpido e cristallino, il Mar Adriatico con le sue onde regala ai turisti una sensazione di relax e benessere mai provata. Ed anche se la giornata è ventosa, il basso fondale fa sì che non ci siano onde pericolose, perciò la Baia dei Turchi è anche la spiaggia dei più piccini.

La Baia non ha nulla da invidiare alle destinazioni balneari internazionali più diffuse e ricercate anzi, per i suoi colori e per la bellezza, questo luogo ricorda proprio una delle spiagge caraibiche.

Come raggiungerla

La Baia è raggiungibile con l’auto fino a un certo punto, poi si deve procedere a piedi.

Si percorre la statale 16 che da Lecce porta verso Maglie, quindi si va verso Otranto e poi ancora sulla litoranea che da Otranto porta a Torre dell’Orso. Si giunge in auto fin dentro la pineta, ma qui si deve parcheggiare e proseguire a piedi per pochi minuti.

Quando si scorge tra gli alberi di pino il turchese delle acque, sarete arrivati nella Baia dei Turchi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi