Juventus, lo scudetto più bello

Juventus, lo scudetto più bello

Ormai è un dominio. Difficile trovare un altro termine per sintetizzare il momento del calcio italiano, che ha indubbiamente un suo dominatore totale. La Juventus infatti è è entrata definitivamente sia nella storia recente che nella leggenda del pallone made in Italy, conquistando il suo quinto scudetto di fila, il trentaduesimo della sua storia. Il tricolore forse più bello di questo filotto visto come era stato l'inizio di stagione. Dopo gli adii di Pirlo e Tevez le prime partite furono da shock, con tre sconfitte nelle prime tre giornate. Poi un recupero fino alla svolta della stagione : la sconfitta di Sassuolo. Da quel momento i bianconeri ingranano la quinta vincendo praticamente tutte le restanti partite, un solo pareggio, così prima raggiungendo il treno di testa, poi mettendo la freccia grazie alla rete di Zaza contro il Napoli di Sarri, andandosene via fino a festeggiare lo scudetto con tre giornate d'anticipo. E potrebbe non esser finita qui per la Juventus che sogna anche feste in bus Roma con la Coppa Italia in bella mostra visto che dovrà anche disputare la finale della competizione all'Olimpico contro ciò che resta del Milan.

Juve troppo forte

La Juventus degli ultimi cinque anni è probabilmente una delle più forti squadre di sempre del nostro calcio. Questo non solo per i cinque scudetti vinti di fila ma anche per il cannibalismo con cui ha fa macinato record su record e per la mole di gioco espresso, facendone dell'incredibile intensità di ritmo la propria arma vincente. Con Conte prima e Allegri poi le cose sono cambiate poco, il tricolore è sempre cucito sulla maglia bianconera. Oltre ai tecnici decisivi anche gli innesti in società di Marotta e Paratici, che hanno creato in primis un blocco di ottimi giocatori dove, ogni anno, venivano fatti innesti di qualità soprattutto in avanti, vedi Dybala e Morata. L'attenzione poi è particolarmente rivolta verso i giovani, con la Juve che ha fatto spesa dei migliori talenti in circolazione assicurandosi così anche un futuro felice. L'unica pecca di questi cinque anni rimane la Champions League. Lo scorso anno il sogno si infranse in finale contro i marziani del Barcellona, quest'anno invece è stato il Bayern Monaco a buttare fuori la Juve. Il rammarico per i bianconeri è che, oltre ad aver subito le reti dei tedeschi nel finale, quest'anno di squadre imbattibili non sembra esserci traccia, con l'Allegri band che avrebbe avuto quindi tutte le carte in regola per vincere la Coppa dalle grandi orecchie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi