Il teatro dell’Opera di Roma: nascita e storia

La città di Roma offre molte possibilità a tutti gli amanti della cultura, partendo dai tanti musei che ospitano opere antiche e alcuni tra i più grandi capolavori risalenti al periodo rinascimentale e barocco, inoltre c’è una massiccia presenza di  teatri dove durante l’anno attori italiani e stranieri intrattengono le platee.

Nella capitale c’è spazio anche per l’opera e il balletto, infatti anche se il principale teatro di opera italiano rimane la “Scala” di Milano, il teatro dell’Opera di Roma offre numerosi eventi di grande importanza, che portano molti appassionati a raggiungere la capitale, pernottare nei day use hotel Roma e assistere a  spettacoli di questo tipo.

Storia del Teatro dell’Opera di Roma

Il Teatro dell’Opera di Roma, situato in piazza Beniamino Gigli, è stato costruito grazie a Domenico Costanzi, a cui è stato cointitolato, che commissionò l’opera all’architetto Achille Sfondrini, che completò il teatro tra 1874 al 1880.

L’opera di Sfondrini fu realizzata in stile neorinascimentale, puntando più che sulla grandezza che sull’acustica, la cupola principale  fu dipinta dal pittore Andrea Brugnoli.

Ad inaugurare il teatro fu il re Umberto I e lla regina Margherita di Savoia il 27 novembre del 1880, con la rappresentazione de “La Seramide” di Rossini.

Nel 1926 ci fu la prima importante svolta per il Teatro dell’Opera di Roma, che in periodo fascista  fu acquistato dal Comune di Roma che commissionò all’architetto Marcello Piacentini dei lavori di rinnovo.

Piacentini si adoperò nel rifare l’interno del teatro con tre nuovi ordini di palco e installò un immenso lampadario in cristallo, considerato il più grande d’Europa,  retto da una struttura metallica costruita con 17 anelli concentrici.

Nel 1956, il Comune di Roma volle fare dei nuovi lavori e si affidò di nuovo a Marcello Piacentini, che lavorò ad un ampliamento dello scalone d’onore e  alla costruzione dei locali adibiti ad ufficio e al restauro della facciata.

Le grandi rappresentazioni ospitate 

Nel corso degli anni il Teatro dell’Opera di Roma ha ospitato alcuni tra gli autori e le opere liriche più importanti del mondo come: Pietro Mascagni con la Cavalleria Rusticana, il maestro Enrico Caruso e Giacomo Puccini, che fece proprio qui la prima della Tosca.

Per quel che riguarda i balletti al Teatro dell’ Opera di Roma c’è stata la prima italiana de “L’uccello di fuoco” di Igor Stravinskij e inoltre si sono esibiti l’American Ballet Theatre e artisti come Rudolf Nureev e Natalja Romanova.

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi