Calcio: perché serve (anche) in età adulta

Fare il pieno di Calcio, dopo i 50 anni, non eviterebbe le fratture. A smontare quanto sostenuto fino ad ora è una metanalisi, pubblicata sul British Medical Journal.  L’indagine mostra come l’assunzione di questo elemento, con alimenti o integratori, porti sì a piccoli aumenti della densità ossea (1-2%), però insufficienti per ridurre in modo rilevante il rischio di frattura.
«Questi dati ci suggeriscono di non esagerare con l’integrazione, con una dieta equilibrata ci si può garantire tutto l’apporto necessario. Perché, ricordiamolo, il calcio non nuoce alle ossa: una corretta assunzione dall’infanzia, associata all’at…
Io Donna » Benessere

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi