Alessandro Florenzi: il capitan futuro

Alessandro Florenzi: il capitan futuro

 Nonostante il pari con il Bologna  a Roma tra i tifosi giallorossi risuona ancora l’ euforia per  la vittoria  nel derby 4-1 sui cugini della Lazio, che è stato festeggiato all’interno dei locali Roma.

Uno dei protagonisti del derby e soprattutto della stagione della Roma, è sicuramente Alessandro Florenzi, pronto questa estate per l’ Europeo di Francia.

La carriera

 

Florenzi, cresce nel settore giovanile della Roma. Inizialmente il suo cammino giallorosso è difficoltoso, ma acquisisce la fiducia di Bruno Conti che lo integra immediatamente con la squadra. Florenzi, nell’anno 2011, diviene capitano della Roma Primavera di Alberto De Rossi, conquista lo Scudetto Primavera dopo aver segnato 15 gol in stagione e debutta in Serie A, sostituendo Francesco Totti.

Le capacità del ragazzo sono chiare sin da subito, ma per farlo giocare tra i professionisti, viene mandato in prestito al Crotone in Serie B nella stagione 2011/2012. Concluderà la stagione al Crotone, con ben 37 presenze e 11 reti, venendo così premiato a fine campionato come miglior giovane della Serie B.

Con l’arrivo di Zdenek Zeman sulla panchina della Roma, Florenzi torna nella capitale dove viene controriscattato definitivamente. Zeman, ritenendolo un promettentissimo giovane, lo schiererà per tutta la stagione, anche grazie alle sue buonissime prestazioni. Il 2 Settembre, segna il suo primo gol in Serie A contro l’Inter, con un colpo di testa su assist di Francesco Totti. A fine stagione, avrà disputato 39 partite con 4 reti segnate.

Con l’arrivo di Rudi Garcìa, viene spostato da centrocampista ad ala d’attacco. Se la Roma di quell’anno fu stellare, uno dei meriti principali è proprio di “moto perpetuo” Florenzi. Realizzerà gol belli ed importanti per tutta la stagione, totalizzando 6 reti in 38 partite.

La stagione 2015 è quella della consacrazione di Florenzi. In una stagione che vede la Roma giungere di nuovo seconda, si distingue dal resto della squadra, per essere stato uno dei condottieri più importanti.

In questa stagione, a causa dei problemi fisici di Maicon, verrà schierato per le prime volte come terzino, ruolo che coprirà nella stagione successiva.

La stagione 2016, quella attualmente in corso, vede Florenzi con la fascia di capitano al braccio in molte occasioni, a causa dell’inutilizzo di Totti e De Rossi. Segna il suo primo e meraviglioso gol in Champions League contro il Barcellona, con un pallonetto da 55 metri che gli vale il 3° posto del Premio Puskas che premia il gol dell’anno.

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi