E-bike Peugeot: nuove biciclette da Trekking e da Strada

E-bike Peugeot: nuove biciclette da Trekking e da Strada

Otto nuove biciclette da Trekking e da Strada vanno ad arricchire il catalogo delle e-bike firmate Peugeot Cycles, per allargare l’offerta di mezzi in linea con la domanda di mobilità sostenibile.

Peugeot Cycles lancia otto nuove e-bike, che si ergono a vetrina del suo prezioso know-how. Si tratta di proposte tecnologiche e green, che concorrono alla causa della mobilità sostenibile. Sei di queste biciclette a pedalata assistita sono destinate al Trekking, due alla Strada (con ampio range di utilizzo).

Guardandole, si viene colpiti dal design pulito e distintivo, agevolato dall’integrazione nel telaio della compatta batteria Bosch 500 Wh PowerTube, posizionata in modo intelligente nella struttura, per regalare benefici sul bilanciamento e sull’agilità del mezzo. La possibilità di estrarla dall’alto protegge la batteria dall’accumulo di sporco.

Alla piacevolezza di guida delle nuove e-bike firmate Peugeot Cycles concorre la spinta istantanea offerta dal motore Bosch Active Line Plus, immediato nell’erogazione e reattivo agli input del ciclista in sella a queste bici PowerTube, testate in base a criteri rigorosi nei laboratori del gruppo Cycleurope per garantire una qualità ineccepibile. Scopriamole più nel dettaglio.

Gamma e-bike Trekking Peugeot eT01 PowerTube

Ecco il significato della sigla eT01 FS PowerTube: e=electric, T=Trekking, 01=versione alto di gamma, PowerTube=Batteria integrata, FS (in base ai modelli)=Full Suspension. D10 indica la trasmissione a catena. Belt indica la trasmissione a cinghia.

Peugeot eT01 FS Touring PowerTube ed eT01 FS Sport PowerTube

Pratica ed estremamente versatile, questa bici affronta i tragitti urbani ma anche le strade sterrate. Il comfort è reso elevato dalla sospensione completa con ammortizzatore anteriore e posteriore (escursione 80 mm). Fanali e parafanghi caratterizzano la versione Touring, dotata anche di un portapacchi. La Sport privilegia la leggerezza e l’uso in fuoristrada.

-Prezzo versione Touring: 3.999 € IVA inclusa (disponibile in colore grigio magnétique metallizzato).
-Prezzo versione Sport: a partire da 3.699 € IVA inclusa (disponibile in colore marrone scuro).

Peugeot eT01 Belt PowerTube ed eT01 Belt Mista PowerTube telaio misto

Questa Mountain Bike è dotata di una trasmissione a cinghia, che non necessita di manutenzione ed offre una durata superiore a una catena classica. Facile da usare e silenziosa, dispone di cambio con variatore che offre una pedalata piacevole con uno sforzo continuo. Dotata di pneumatici Michelin antiforatura, la bici eT01 Belt affronta con tranquillità tutti i percorsi.

-Prezzo: a partire da 3.699 € IVA inclusa (disponibile in colore grigio magnétique lucido).

Peugeot eT01 D10 PowerTube ed eT01 D10 Mista PowerTube telaio misto

Questa Mountain Bike è il modello di accesso alla gamma PowerTube. La sua batteria integrata nel telaio le conferisce un look molto gradevole. Il motore Bosch ActiveLine offre un’accelerazione fluida. La trasmissione Shimano a 11 marce regala una guida precisa.

-Prezzo: a partire da 3.199 € IVA inclusa (disponibile in marrone con telaio classico e grigio titanio con telaio misto.

Gamma e-bike da Strada Peugeot eR02 PowerTube

Ecco il significato della sigla eR02 PowerTube: e=electric, R=Road, 02=Gamma media, PowerTube=Batteria integrata, Gravel=pneumatici adatti allo sterrato e alla strada, Ultégra=enfasi sulle prestazioni

Peugeot eR02 Ultégra PowerTube

Questo modello, focalizzato sulle prestazioni, è stato pensato per le gite sportive. Il suo pignone a 42 denti permette di percorrere agilmente i valichi di montagna. A misurare le performance degli sportivi più esigenti ci pensa il computer di bordo.

-Prezzo: a partire da 4.199 € IVA inclusa (disponibile in gris magnétique lucido).

Peugeot eR02 Gravel PowerTube

È un modello ideale per evadere dai percorsi stradali. I suoi pneumatici da sterrato permettono di lasciare la strada e conferiscono grande polivalenza a questa bici. Al manubrio dritto va il merito di un maggior comfort di guida e di un migliore controllo del mezzo.

-Prezzo: a partire da 3.599 € IVA inclusa (disponibile in colore blu notte).

Fonte: E-bike Peugeot: nuove biciclette da Trekking e da Strada

I migliori vocabolari di Greco antico: GI o Rocci?

I migliori vocabolari di Greco antico: GI o Rocci?

Chi comincia il liceo classico si trova immediatamente davanti a una scelta importante, ovvero decidere quale dizionario di Greco antico scegliere.

Questo avviene anche per il dizionario di latino, ma si tratta di una lingua più simile all’italiano, e che magari si studia un po’ anche alle scuole medie: nel caso del greco antico, invece, la scelta avviene quasi “a scatola chiusa” da parte dello studente, che spesso non può fare altro che fidarsi delle opinioni degli altri e scegliere il dizionario di greco consigliato da qualcun’altro.

La scelta del vocabolario di greco è estremamente importante, perchè si tratta di uno strumento che ti accompagnerà per i 5 anni del liceo classico, e magari anche per l’università: è quindi fondamentale capire quali sono le differenze tra le edizioni più quotate sul mercato per scegliere quella più adatta alle proprie esigenze e abitudini.

Ecco una guida in cui proveremo a rispondere al solito dubbio “è meglio il Rocci o il GI?” e offriremo qualche opzione in più per scegliere il migliore vocabolario di greco antico per il biennio e triennio del liceo classico tra i dizionari nuovi e usati in vendita su Amazon.

Un dizionario di greco su Libraccio? Non è facile trovare vocabolari usati, perchè quasi nessuno li vende e spesso si tratta di volumi super utilizzati e molto rovinati; lo store dell’usato Amazon contiene però alcune offerte su vocabolari di greco di seconda mano, che elencheremo nel dettaglio durante il confronto tra le diverse edizioni.

I migliori vocabolari di Greco per liceo classico

Anche se sono delle lingue morte, ovvero che non vengono più parlate, il Greco e il Latino sono lingue antiche ancora studiate perchè rappresentano un elemento importantissimo della nostra storia e cultura. Dal Greco e dal Latino provengono moltissime parole che utilizziamo tutti i giorni, e di certo imparare a tradurre queste lingue è un gioco di logica, memoria e linguistica che sarà utile per tutta la vita e in differenti applicazioni.

Per poter tradurre le versioni è necessario, oltre che studiare, dotarsi di un ottimo strumento e imparare a utilizzarlo: non sono rari i casi di studenti svogliati e poco inclini allo studio, ma che grazie a una grande capacità di lettura del vocabolario riescono a tradurre in modo impeccabile.

Più che nel caso dei dizionari di inglese, francese o di altre “lingue vive”, infatti, il vocabolario di greco antico è ricchissimo di esempi, citazioni e frasi d’autore che ci aiuteranno moltissimo durante le versioni, oltre a tanti box informativi sulla cultura e la civiltà ellenica.

Rocci e GI, i migliori dizionari di greco antico

Il Rocci e il GI sono i vocabolari più quotati e più apprezzati dagli studenti e insegnanti, e per molto tempo sono state le uniche alternative sul mercato. Nonostante il tempo passi, questo duopolio resta sostanzialmente invariato, nonostante la disponibilità di altri vocabolari per principianti e per un livello più avanzato.

Sia il GI che il Rocci sono molto completi, contengono tantissime frasi d’autore e danno una panoramica esaustiva dell’evoluzione della lingua greca, che come tutte le altre lingue è cambiata molto nel tempo. Meglio scegliere il Rocci o il GI? Fino a qualche anno fa avrebbero preferito tutti il GI, perchè l’edizione precedente del Rocci era davvero difficile da leggere e consultare, ma la nuova edizione è molto più chiara e leggibile.

Il GI resta ancora più facile da consultare, ma il Rocci contiene moltissime frasi d’autore, addirittura intere versioni, però utilizza un linguaggio più difficile nella spiegazione del significato. Per chi si avvia allo studio del Greco ci sono tuttavia anche altre opzioni, pensate proprio per un avviamento allo studio di questa lingua.

Ecco un confronto tra diverse edizioni del vocabolario di Greco antico e tutte le opzioni di acquisto nuovo e usato; nel caso dei dizionari di greco l’acquisto online è molto vantaggioso, perchè permette sempre di avere uno sconto sul prezzo di copertina, o di trovare dizionari di latino e greco usati a un costo più basso.

Vocabolario di greco antico Lorenzo Rocci

Lorenzo Rocci era un monaco gesuita che nel 1939 diede alle stampe la prima edizione di questo vocabolario di greco, un dizionario che negli anni è diventato un vero e proprio cult per gli studenti del liceo classico: difficile da capire, voluminoso ma completo in tutte le sue parti e ricchissimo di esempi e frasi, il Rocci ha un fascino intramontabile.

Dopo settant’anni, la Società Editrice Dante Alighieri ha rinnovato la veste grafica di questo formidabile vocabolario, che ha sempre avuto il difetto di essere poco leggibile e di aver fatto perdere tante diottrie agli studenti del liceo classico di tutte le epoche: l’edizione 2011 punta infatti a una migliore leggibilità e una maggiore facilità di consultazione del vocabolario, grazie a un layout grafico tutto nuovo.

Questo vocabolario comprende oltre 150mila parole greche con relativo significato, arricchito da moltissimi esempi e frasi d’autore, avvertimenti sugli errori più frequenti e moltissime sfumature di significato. Se prima la traduzione in italiano non era segnalata con nessuna differenza di colore o stile del testo, adesso è facile individuare le diverse possibilità di traduzione grazie all’utilizzo del grassetto.

Nonostante la semplificazione del dizionario sia per quanto riguarda la leggibilità che per il tipo di italiano utilizzato per le traduzioni (a volte risultava un po’ arcaico), il Rocci mantiene comunque la sua tipica eleganza nell’esposizione dei significati e degli esempi pratici, una vera e propria marca di stile per questo dizionario che è il vocabolario di Greco per eccellenza.

Le didascalie storico-antiquarie che caratterizzano il Rocci si ampliano con altri box e schede informative sulla morfologia e la sintassi greca, e il carattere più chiaro e leggibile rende il Rocci un dizionario più simile agli altri vocabolari sul mercato, almeno per quanto riguarda l’impaginazione e il layout visivo.

L’ultima innovazione è poi quella di aver creato una valida versione digitale, supportata da Mac e Windows. Si tratta in generale di un vocabolario che resta non di immediata consultazione, ma che sfida lo studente e lo stimola verso una conoscenza più approfondita della lingua; è ottimo sopratutto per il triennio del liceo classico. Il nuovo Rocci è disponibile nuovo, con copertina rigida e scatola protettiva, su Amazon a partire da 90,10€, su IBS da 100,70€ e su Hoepli da 106€, ma è in vendita anche usato su Amazon a partire da 67,86€.

-15%

Vocabolario di Greco GI

Se il Rocci ha rappresentato da sempre l’ideale del vocabolario bello ma difficile da consultare e capire, il GI nasce con l’obiettivo di dimostrare che è possibile realizzare un buon vocabolario di Greco che sia al tempo stesso semplice da consultare e da comprendere.

Edito da Loescher e curato dal grecista Franco Montanari a partire dal 1995, il GI è particolarmente adatto per il primo biennio del liceo classico, ma può essere tranquillamente utilizzato anche al triennio grazie alla completezza ed esaustività delle parole di cui è possibile trovare la traduzione.

Il GI contiene infatti circa 140mila voci che vanno dal Greco arcaico fino alla lingua di Alessandro Magno, passando attraverso tutte le fasi e le evoluzioni che questa lingua ha vissuto; le voci più complesse, con molti significati, presentano delle tavole riassuntive del significato, utilissime per lo studente.

La veste grafica chiara e leggibile è il grande punto di forza per questo vocabolario, e lo è soprattutto per gli studenti principianti, che hanno già problemi con una nuova lingua da imparare e necessitano di uno strumento che sia loro alleato e li aiuti.

La presenza della bicromia e le parole greche colorate in azzurro permettono di visualizzare molto più facilmente il termine che stiamo cercando, e anche la separazione tra opzioni di traduzione in grassetto, citazioni in corsivo e abbreviazioni chiare migliorano la leggibilità complessiva del vocabolario.

Si tratta di uno strumento di altissima qualità, che probabilmente ha qualcosa in meno del Rocci in termini di sfumature di significato, ma che a differenza del Rocci utilizza un italiano molto più colloquiale e accessibile. Questo vocabolario comprende anche una piccola guida all’utilizzo del GI, un software scaricabile sul PC e un’app dedicata per iOS e Android.

Molte le opzioni di acquisto: il GI è in vendita nuovo con copertina rigida e custodia protettiva su Amazon a partire da 104,46€, su IBS allo stesso prezzo e su Hoepli da 109,35€, ma è disponibile anche usato su Amazon a partire da 83,09€.

-15%

Dizionario di Greco antico Zanichelli

Oltre al Rocci e al Gi esistono altri due vocabolari di Greco antico più o meno completi in commercio: uno di questi è il dizionario proposto da Zanichelli, aggiornato al 2007 e giunto alla sua terza edizione.

Questo vocabolario comprende circa 40mila parole, 98mila opzioni di traduzione e oltre 37mila citazioni e frasi d’autore che aiutano a chiarire il senso delle parole in greco e a scegliere la traduzione migliore. Si tratta di un dizionario molto utile soprattutto per chi inizia il biennio del liceo classico ed è in cerca di uno strumento compatto, con una veste grafica molto chiara e facile da consultare.

L’elemento più interessante di questo vocabolario, che poi rappresenta la motivazione per cui è così adatto a un avviamento al Greco, è la grande importanza data all’etimologia e alla costruzione delle parole in greco: come per tutte le lingue straniere, anche nel caso del greco conoscere la forma delle parole aiuta ad ampliare la conoscenza della lingua e la comprensione dei testi.

Per gli anni successivi al biennio questo volume rischia di stare un po’ stretto, perchè ha circa centomila termini in meno rispetto al Rocci e al Gi, ma potrebbe anche bastare, molto dipende anche dalle esigenze degli insegnanti.

È un vocabolario che si può acquistare se si ha già un Rocci in casa, magari una vecchia edizione troppo difficile da utilizzare fin dal biennio. Il prezzo è competitivo rispetto ai due vocabolari “top” visti finora: è disponibile su Amazon a partire da 30,77€, su IBS.it allo stesso prezzo e su Hoepli da 32,22€.

-15%

Vocabolario della lingua greca

Talìa Editrice propone il suo vocabolario della lingua greca, a cura di una squadra di docenti e ricercatori coordinati dalla grecista Maria Antonia Carbone. Realizzato nel 2011, questo volume si propone l’obiettivo di aiutare gli studenti, soprattutto quelli del primo biennio del liceo classico, nella comprensione del Greco offrendo loro uno strumento chiaro e facile da leggere e consultare.

Con le sue 2304 pagine, questo vocabolario è un’edizione completa di tutti i termini fondamentali per l’apprendimento del Greco a livello intermedio e avanzato; i lemmi più importanti sono completati da specchietti riassuntivi dei loro significati, le reggenze dei verbi vengono evidenziate con esempi tratti da opere letterarie ma di immediata comprensione.

Alla fine del vocabolario è presente un’appendice antiquaria, ovvero una sezione in cui vengono riportati molti dati e notizie che riguardano la cultura e la civiltà greca e che possono rappresentare un aiuto non solo per soddisfare la curiosità personale, ma anche per aiutarsi durante gli esercizi di traduzione.

Questo vocabolario è disponibile su Amazon a partire da 68,90€ , su Hoepli e su IBS.it a partire da 94€.

-27%

Dizionario di Greco antico Rocci Eisagoghè

Nel 2011, contemporaneamente all’aggiornamento dell’edizione del vocabolario Lorenzo Rocci, la Società Editrice Dante Alighieri ha pubblicato anche un primo vocabolario di Greco chiamato “Eisagoghè”, utile per il primo anno del liceo al fine di prendere dimestichezza con la lingua senza farsi sovrastare da un dizionario troppo voluminoso e difficile da consultare.

Si tratta infatti di uno strumento concepito in modo da permettere allo studente di familiarizzare sia con la nuova lingua da studiare che con l’utilizzo del vocabolario, sia esso il Rocci o un’altra edizione. Snello e di facile consultazione, contiene soltanto il lessico di base, quindi è utilizzabile al massimo per il primo anno di liceo.

La veste grafica e il layout sono accattivanti e immediati da leggere, e anche il tono dell’italiano utilizzato per la spiegazione dei significati è più colloquiale e informale, in linea con la preparazione di ragazzi appena usciti dalla scuola media. Questo primo dizionario è disponibile su Amazon a partire da 17€, su IBS.it da 19€ e su Hoepli da 24€.

Primo vocabolario di Greco Antico Le Monnier

Un altro primo vocabolario di greco antico in commercio è quello edito da Le Monnier, una casa editrice molto apprezzata per la qualità dei suoi testi scolastici e delle opere di consultazione.

Anche in questo caso il dizionarietto è pensato per gli studenti del primo biennio e soprattutto del primo anno di liceo classico, contiene un lessico di base con un layout immediatamente leggibile e di facile comprensione.

Le appendici e le schede grammaticali offrono un supporto allo studente che non ha ancora interiorizzato bene tutte le regole, unendo le funzionalità di un manuale a quelle di un dizionario.

Questo vocabolario edito da Le Monnier e adatto per il primo anno del liceo è in vendita su Amazon a partire da 27,45€.

-15%

Come scegliere il migliore dizionario di Greco antico

Come abbiamo visto, i dizionari di Greco antico non sono moltissimi ma hanno delle specifiche che distinguono le diverse edizioni. Ecco tutte le caratteristiche indispensabili che un buon vocabolario di Greco antico deve avere per accompagnarti negli anni del liceo classico e oltre.

Dimensioni e formato

Sia il Rocci che il GI sono dizionari completi di Greco, quindi sono caratterizzati da un grande formato con copertina rigida e da una custodia protettiva solitamente realizzata in cartone. Sono dizionari pesanti e voluminosi, ma che sarà necessario portare in classe per le versioni e i compiti scritti: la custodia serve proprio a evitare che il dizionario si rovini durante gli spostamenti.

L’edizione di Zanichelli e i primi vocabolari di Greco che abbiamo visto sono ovviamente più compatti e leggeri, ma non basteranno per tradurre le versioni di livello intermedio e avanzato. Chi ha già un dizionario di Greco in casa – magari perchè qualche parente ha frequentato il liceo classico – può scegliere di acquistare un’edizione compatta per il primo biennio, mentre chi non ha un vocabolario in casa potrebbe decidere di acquistare direttamente un dizionario grande, indispensabile per i 5 anni del liceo.

Una soluzione di compromesso può essere l’acquisto del vocabolario Rocci nell’edizione che comprende anche la Starter Edition, in modo da avere sia uno strumento utilizzabile per i primi mesi del ginnasio che un vocabolario vero e proprio, indispensabile per gli anni successivi.

Numero di parole

Sia il Rocci che il GI hanno più di centomila parole greche, anche se ovviamente non tutte sono necessarie per tradurre le versioni più semplici: già il volume di Zanichelli fa una selezione consistente, scegliendo circa 40mila lemmi da inserire all’interno del dizionario.

Il numero di parole è una caratteristica importante di ogni dizionario, ma lo è soprattutto nel caso del Greco, poichè non sono disponibili validi traduttori online che possano aiutarci con le parole che non troviamo all’interno del vocabolario. Conviene quindi investire in un’edizione grande e completa fin da subito, onde evitare di dover acquistare un altro vocabolario in corso d’opera e spendere dunque il doppio del denaro.

Aggiornamento dell’edizione

Considerato che il greco antico è una lingua morta, quindi non si evolve ai nostri giorni, la scelta di un’edizione aggiornata rispetto a una vecchia edizione non rappresenta un elemento determinante.

Che il Greco resti sempre uguale a se stesso non è poi così vero: le scoperte papirografiche, le iscrizioni e i documenti dell’antichità che ancora vengono riportati alla luce offrono nuove interpretazioni dei termini e dei loro significati, ma il Greco che si studia a scuola è abbastanza standard, quindi questa caratteristica non è essenziale per chi studia questa lingua al liceo classico.

Gli studenti universitari che scelgono un percorso legato alle Lettere Classiche dovrebbero invece acquistare un’edizione aggiornata, che tiene conto degli sviluppi in merito alla ricerca sulla lingua e sulla sua evoluzione.

Layout

Comprare un’edizione aggiornata può rappresentare un elemento importante per chi frequenta il liceo classico solo nel caso in cui l’aggiornamento riguardi non tanto il contenuto del vocabolario, quanto la sua forma.

Trattandosi di una lingua complessa, che si studia in una scuola “d’èlite”, si è sempre pensato che il vocabolario non dovesse venire incontro agli studenti, ma al contrario dovessero essere gli studenti ad adeguarsi alla complessità del dizionario.

Ai giorni nostri le cose sono molto cambiate: con l’avvento del digitale e dell’immediatezza sempre meno ragazzi sono disposti a rovinarsi la vista su caratteri illegibili e una formattazione praticamente inesistente. È per questo che anche i vocabolari più blasonati come il Rocci hanno rivoluzionato il layout dei loro volumi, introducendo il grassetto e il corsivo, proponendo degli specchietti riassuntivi per facilitare la comprensione e utilizzando un linguaggio più facile da capire.

Il nuovo Rocci è molto leggibile, e così anche il GI, che ha fatto della facilità di consultazione il suo principale punto di forza, e che tra i due è probabilmente ancora il vocabolario di Greco più chiaro e facile da analizzare.

Versione digitale

Anche il liceo classico si ammoderna e si porta al passo con i tempi: è per questo che sia il Rocci, che il GI che altri dizionari di Greco hanno introdotto una versione digitale di più tipi: inquadramento tramite codice QR, software scaricabili, app dedicate ed estensioni virtuali.

Si tratta di una caratteristica che può avere la sua importanza, ma che non rappresenta un discrimine tra una buona e una cattiva edizione.

Prezzo da nuovo e usato

Sia il Rocci che il GI hanno un costo che oscilla attorno ai cento euro: si tratta di una spesa importante, ma che viene spalmata nell’arco dei 5 anni e rappresenta in ogni caso un investimento. Il vocabolario di Greco non sempre si compra: spesso si tramanda, proprio come nel caso di un cimelio di famiglia.

Anche per questo è molto difficile trovare dei buoni dizionari di greco usati: non è comune disfarsi di un volume del genere, ma come si è visto sia il Rocci che il GI sono disponibili anche usati su Amazon.

I vocabolari di Greco sono tuttavia degli strumenti vissuti, che ci accompagnano per i 5 anni del liceo classico e quindi non saranno mai in ottime condizioni: se la differenza di prezzo è poca, è sempre conveniente acquistare un dizionario nuovo piuttosto che un volume usato.

Dove acquistare il vocabolario di Greco nuovo e usato

Il vocabolario di Greco è uno strumento necessario per chi sceglie di frequentare il liceo classico, e al pari del vocabolario di latino va scelto con cura e attenzione per evitare di fare un acquisto sbagliato e sprecare denaro.

Non si tratta di una spesa irrisoria: sia il Rocci che il GI hanno un costo che si aggira attorno ai cento euro, ma si può guardare a questa spesa come a un investimento sulla nostra cultura personale; il vocabolario, poi, si tramanda di generazione in generazione proprio come si fa per un cimelio di famiglia.

È quindi consigliabile acquistarlo nuovo, ma farlo online, soprattutto su Amazon, che propone uno sconto sui vocabolari almeno del 15%, ovvero un risparmio di decine e decine di euro.

Fonte: I migliori vocabolari di Greco antico: GI o Rocci?

Hamburger di carne: la ricetta per farlo perfetto e gustoso

Hamburger di carne: la ricetta per farlo perfetto e gustoso

Facile 30min Per 4 persone

ingredienti

  • Per gli hamburger
  • Macinato di vitello 800g
  • Fette di pane 2
  • Sale q.b • 750 kcal
  • pepe q.b. • 79 kcal
  • Latte un bicchiere • 600 kcal
  • Per le patatine
  • Patate 4 • 661 kcal
  • olio di semi per friggere 1 litro
  • Per la maionese
  • Tuorli 2 • 750 kcal
  • Olio di semi di girasole 1 bicchiere • 900 kcal
  • Succo di limone 1/4 • 29 kcal
  • Aceto bianco qualche goccia
  • Sale un pizzico • 750 kcal
  • pepe un pizzico • 79 kcal

Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

Gli hamburger di carne sono un secondo piatto amato in tutto il mondo, facilissimo da preparare anche in casa per una cena veloce e allo stesso tempo salutare. Accompagnati con una porzione di patatine fritte croccanti o con una fresca insalata mista, gli hamburger di carne mettono d’accordo proprio tutti! Vediamo passo passo come lavorare al meglio la carne macinata e preparare degli hamburger perfetti da accompagnare ad una cremosa maionese fatta in casa!

Come preparare gli hamburger di carne

Eliminate la crosta due fette di pane e spezzettate la mollica. Disponetela in una ciotola e bagnatela con un bicchiere di latte (1). Dopo qualche minuto strizzatela ed unitela alla carne macinata insieme ad un pizzico di sale e pepe. Lavorate con le mani fredde gli ingredienti (2) così da amalgamarli bene (3).

Formate 4 polpette di 200g l’una (4): schiacciate le polpette con un coppapasta (5) dandogli la forma classica degli hamburger che non dovranno essere più spessi di 2 centimetri (6).

Nel frattempo sbucciate le patate, tagliatele a stecchette (7) e mettetele in una ciotola con acqua molto fredda (8). In un tegame scaldate l’olio di semi per friggere e, quando sarà arrivato a temperatura, tuffate le patatine ben sgocciolate. Friggetele per 7/8 minuti fino a quando risulteranno bene dorate (9). Toglietele dall’olio con una schiumarola e asciugatele con un foglio di carta da cucina.

Preparate la vostra maionese (10) aprendo in una ciotola le uova e tenendo solo i tuorli. Aggiungete un pizzico di sale e pepe e sbatteteli con una forchetta. Unite l’olio a filo continuando a sbattere, aggiungete il succo di limone e qualche goccia di aceto, senza smettere di montare, fino ad ottenere una salsa cremosa e senza grumi. Prendete una padella antiaderente e fate sciogliere una noce di burro insieme ad un filo di olio. Adagiate gli hamburger e fate cuocere 5 minuti per lato (11) in modo da ottenere una cottura media della carne ben rosolata fuori e succosa all’interno. Servite subito i vostri hamburger con le patatine fritte croccanti ed una porzione di insalata fresca (12).

Consigli

Potete insaporire la vostra ricetta coprendo gli hamburger con del formaggio: a cottura quasi terminata adagiate su ogni hamburger una fetta di provolone o di emmentaler, coprite la padella con un coperchio e cuocete per 2 minuti a fiamma dolce per far sciogliere il formaggio.

Per questa ricetta vi consigliamo di utilizzare macinato di vitello o in alternativa del macinato misto magro.

Per una carne meno al sangue, proseguite la cottura per altri 2/3 minuti. Fate attenzione a non stracuocere gli hamburger, potrebbero risultare secchi!

Salate gli hamburger solo a cottura terminata così da non rischiare che si secchino.

Fonte: Hamburger di carne: la ricetta per farlo perfetto e gustoso

Standard & Poor’s e Moody’s confermano il loro rating investment grade per Yanfeng Automotive Interiors a ‘BBB-‘ e ‘Baa3’

SHANGHAI, 19 marzo 2019 /PRNewswire/ — Yanfeng Global Automotive Interior Systems Co., Ltd. (YFAI) ha annunciato che S&P Global Ratings (Standard and Poor”s) e Moody”s Investors Service (Moody”s) hanno confermato i loro rating ‘BBB-‘ e ‘Baa3’, con outlook stabile. Moody”s ha aggiornato il rating investment grade il 31 gennaio 2019 e S&P il 28 febbraio 2019. Questo è il terzo anno consecutivo che S&P e Moody”s classificano la società investment grade. Entrambi i rating sono soggetti a monitoraggio continuo da parte delle due agenzie.

Standard & Poor”s ha confermato il rating a lungo termine BBB della società YFAI  con outlook stabile. S&P ha basato il rating su fattori quali una solida posizione di mercato nel settore degli interni automobilistici, presenza globale, relazioni consolidate con le principali case automobilistiche, basso indice di indebitamento e gestione finanziaria prudente.

Moody”s Investors Service ha continuato ad assegnare un rating dell”emittente Baa3 con outlook stabile nel proprio aggiornamento. Questo rating si basa su considerazioni sulla credibilità aziendale come la costante generazione di reddito di YFAI, trainata da una forte posizione nel mercato globale degli interni automobilistici, nonché da una forte diversificazione geografica.

 ‘Siamo lieti che S&P e Moody”s abbiano confermato i loro rating  investment grade per YFAI’, ha affermato Steve Meszaros, CEO Yanfeng Automotive Interiors. ‘Questi rating confermano il nostro status di leader del settore, ben posizionato per realizzare le nostre priorità strategiche e servire i nostri clienti globali in questo periodo di significativa evoluzione nel settore automobilistico globale.’

‘Questi rating sono la conferma che il nostro business è ben posizionato nel mercato globale’, ha dichiarato Michael Kleinheksel, CFO YFAI. ‘Continueremo a concentrarci su un”esecuzione metodica e sul miglioramento dell”efficienza nel portare a termine i nostri impegni con i clienti’.

Picture is available at AP Images (http://www.apimages.com)

Su Yanfeng Automotive Interiors

Yanfeng Automotive Interiors (YFAI) è leader globale in ambito di interni automobilistici. YFAI sta mettendo a punto un nuovo concept di relax, lavoro e gioco negli interni automobilistici adattandolo alle esigenze attuali e del prossimo futuro. La società con sede legale a Shanghai, dispone di circa 110 centri produttivi e tecnici in 19 paesi e ha al suo servizio oltre 33.000 addetti in tutto il mondo. Essa opera nella progettazione, sviluppo e produzione di componenti per interni per tutti i produttori automobilistici. Fondata nel 2015, Yanfeng Automotive Interiors è una joint venture tra Yanfeng, uno dei più grandi fornitori in ambito automobilistico della Cina e Adient, il leader mondiale nei sedili per auto. Per ulteriori informazioni si potrà visitare il sito www.YFAI.com.

Per maggiori dettagli rivolgersi a

Yanfeng Automotive Interiors
Jagenbergstraße 1

41468 Neuss

Germania

Astrid Schafmeister
Tel.: +49-2131-609-3028
E-mail: astrid.schafmeister@yfai.com

 

 

Unime, presentato il volume di Bruti Liberati su “Magistratura e società nell’Italia repubblicana”

Unime, presentato il volume di Bruti Liberati su “Magistratura e società nell’Italia repubblicana”

Si è svolto in Aula Magna, un seminario, organizzato dai Dipartimenti di Giurisprudenza e di Scienze politiche e giuridiche, nel corso del quale, alla presenza di numerose Autorità cittadine, è stato presentato il volume “Magistratura e società nell’Italia repubblicana” di Edmondo Bruti Liberati.
Dopo i saluti istituzionali da parte del Rettore, prof. Salvatore Cuzzocrea, dei Direttori dei Dipartimenti di Giurisprudenza e Scienze politiche e giuridiche, proff. Francesco Astone e Mario Calogero,  della prof.ssa Maria Piera Rizzo, Coordinatore del Dottorato in Scienze giuridiche, del prof. Luigi D’Andrea, Direttore della Scuola di specializzazione per le professioni legali e dell’Avv. Vincenzo Ciraolo, Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Messina,  all’incontro, introdotto  dai proff. Giacomo D’Amico e Alberto Randazzo,  sono intervenuti i proff Giovanni Moschella e Antonio Saitta ed il dott. Maurizio De Lucia, Procuratore della Repubblica di Messina. La conclusione è stata affidata al Presidente emerito della Corte costituzionale e Presidente della Scuola superiore della magistratura, prof. Gaetano Silvestri.

Edmondo Bruti Liberati, in magistratura dal 1970, ha svolto a Milano le funzioni di giudice, di magistrato di sorveglianza e di pubblico ministero. È stato dal 2010 al 2015 procuratore della Repubblica di Milano, componente nel 1981 del Consiglio superiore della magistratura, presidente di Magistratura democratica e della Associazione nazionale magistrati. E’ autore di numerosi testi in materia di Diritto Penale e Penitenziario e organizzazione giudiziaria.

L’autore, nel suo volume, traccia un quadro ampio e non privo di ombre del difficile percorso di attuazione dei valori democratici nella magistratura e nella società. Dalla caduta del fascismo all’entrata in funzione della Corte Costituzionale e del Consiglio superiore della magistratura; dai difficili anni del terrorismo alla stagione di Mani pulite, per arrivare ai più recenti tentativi di riforma del sistema della giustizia.

È una storia d’Italia dalla fine della seconda guerra mondiale al tempo presente vista attraverso l’occhio della giustizia, settant’anni spesso tormentati in cui la magistratura è stata protagonista.

Partecipa alla discussione. Commenta l’articolo su Messinaora.it

Fonte: Unime, presentato il volume di Bruti Liberati su “Magistratura e società nell’Italia repubblicana”

I migliori dizionari francese italiano – Marzo 2019

I migliori dizionari francese italiano – Marzo 2019

L’esercizio di traduzione è paragonabile al lavoro di un artigiano, e proprio come per un artigiano è necessario dotarsi di strumenti di valore che ci aiutino nella traduzione. Il dizionario bilingue di francese serve proprio a migliorare la conoscenza di questa lingua, imparando non solo nuove parole, ma comprendendone i contesti d’uso e le sfumature di significato.

Differenziati per studenti, insegnanti o traduttori professionisti, il vocabolario francese italiano è un ottimo aiuto per migliorare la competenza del francese. Sul mercato esistono molti vocabolari pubblicati da editori specializzati per la scuola media, per il liceo linguistico, per l’università e per la carriera di traduzione professionale o di insegnamento. Non mancano poi i dizionari tecnici, utili per chi lavora in specifici settori e ha bisogno di rafforzarsi sul lessico specializzato.

Ecco una guida per capire quali sono i migliori dizionari francese italiano di editori come Larousse e Garzanti. Per capire qual è l’edizione più adatta alle tue esigenze, e trovare anche un traduttore francese italiano ottimo, confronteremo diversi dizionari bilingue disponibili online.

Potrebbe interessarti anche: i migliori dizionari inglese italiano e monolingua

I dizionari francese italiano cartacei consigliati

Numero di voci, leggibilità, dimensioni e peso sono le caratteristiche fondamentali di ogni dizionario bilingue di francese: in questo articolo la prima parte del confronto sarà dedicata ai dizionari francese italiano, divisi in tre categorie: dizionari grandi, compatti e tascabili, adatti alle esigenze della scuola media, del liceo linguistico, dell’università e della carriera professionale.

La seconda parte è invece dedicata alla guida all’acquisto, con tutte le caratteristiche indispensabili e non che un buon vocabolario francese italiano deve avere.

Leggi anche: i migliori dizionari tedesco italiano e monolingua

Migliori bilingue francese italiano

Il dizionario francese italiano cartaceo è uno strumento indispensabile sia per chi studia questa lingua durante il percorso della scuola media o superiore, sia per chi impara il francese da autodidatta e cerca un vocabolario affidabile e pubblicato da case editrici specializzate come Larousse, Zanichelli e Garzanti.

Nel nostro confronto partiremo dai dizionari grandi da tavolo, passando per le edizioni compatte e infine per i vocabolari tascabili.

Dizionario francese italiano Zanichelli Boch (edizione grande)

Il primo dizionario bilingue di francese che confrontiamo è pubblicato da Zanichelli in collaborazione con l’editore francese LeRobert.

Questa versione presenta solo il vocabolario cartaceo, ma è possibile scegliere anche l’edizione con plus digitale. Il vocabolario di Zanichelli è tra i più completi sul mercato: comprende infatti oltre 172mila voci e 225mila accezioni, e presenta moltissimi esempi, note d’uso e avvertimenti sui falsi amici.

Consistente ed esaustiva anche la sezione dedicata alle note di cultura e civiltà, con più di 350 note sulle istituzioni e sulla storia della società francese; sono presenti anche 750 inserti sui collocatori in francese, ossia sulle combinazioni e reggenze linguistiche indispensabili per chi studia la lingua. In questa edizione sono stati aggiunti molti termini diventati di uso comune sia in francese che in italiano, come ad esempio appli e microfinance.

Particolarmente adatto per gli studenti della scuola superiore e del liceo linguistico, questo dizionario grande di Zanichelli è disponibile con copertina rigida su Amazon a 54,50€, su IBS a 58,65€ e su Hoepli a 61,65€.

-21%

Dizionario francese italiano Larousse

Il dizionario francese Larousse è molto apprezzato sia dagli studenti che dagli insegnanti, ed è l’alternativa al Boch per quanto riguarda la categoria dei dizionari grandi.

Si tratta di un vocabolario completo edito da Sansoni, un’autorità anche nel campo dei dizionari di italiano e tedesco; comprende circa 125mila parole e oltre 340mila accezioni provenienti dai Paesi francofoni come la Svizzera, il Canada, il Belgio e la Francia stessa. Al dizionario vero e proprio segue un’abbondante fraseologia, utile per capire l’utilizzo delle parole nei diversi contesti ed evitare gli errori più frequenti.

Con più di duemila pagine, è un dizionario molto voluminoso, ma le recensioni degli utenti ne sottolineano la praticità di consultazione e l’edizione molto valida; è un po’ vecchiotto perchè risale al 2006, ma anche per questo è venduto insieme al DVD su Amazon con il 42% di sconto, al costo di 39,90€ invece di 60,90€.

-42%

Dizionario tecnico francese italiano Hoepli

L’ultimo vocabolario grande francese italiano che mettiamo a confronto è un dizionario tecnico edito da Hoepli e con versione digitale inclusa.

Realizzato in un’edizione di grande formato con copertina rigida, questo vocabolario tecnico comprende oltre 260mila termini e accezioni, strutturati con un layout grafico chiaro e facile da consultare. Gli ambiti toccati da questo dizionario tecnico sono soprattutto quelli relativi all’amministrazione e ai settori commerciale e aziendale, e per ogni parola è indicata la materia di riferimento.

Alla fine del dizionario è presente una ricca appendice utile soprattutto per le conversioni di simboli, numeri, unità di misura ed elementi chimici; la versione digitale del vocabolario consiste in un software con licenza d’uso scaricabile su 3 diversi dispositivi, che permette di consultare tutto il dizionario online e cimentarsi con test di autovalutazione.

Considerato il più completo e affidabile tra i dizionari tecnici in commercio, il vocabolario di Hoepli è in vendita su Amazon a 84,91€, su Hoepli e su IBS.it allo stesso prezzo.

-15%

Dizionario bilingue compatto Vallardi

Il dizionario bilingue francese italiano compatto più apprezzato da studenti e professionisti è quello edito da Vallardi e presentato in formato 13×20 cm con copertina flessibile.

Con l’obiettivo di fornire un lessico intermedio relativo alla lingua francese contemporanea, questo dizionario comprende oltre 30mila voci e più di 50mila esempi in differenti contesti d’uso; oltre alle parole del lessico generale, sono inseriti anche termini che riguardano gli ambiti tecnico, scientifico, economico-finanziario e informatico.

Per tutte le parole è indicata la pronuncia in francese, i modi di dire e la fraseologia ideomatica, gli indicatori e i contesti d’uso. Sono inoltre numerosi gli esempi pratici tratti dal francese contemporaneo scritto e parlato, e per i casi particolari sono indicate le informazioni sulla morfologia e sulle eccezioni grammaticali.

Piccolo, maneggevole, completo e facile da consultare, questo dizionario francese italiano Larousse è in vendita su Amazon a partire da 8,50€, su IBS.it e su Hoepli allo stesso prezzo.

-15%

Dizionario francese italiano compatto Hoepli

Un altro dizionario compatto francese italiano disponibile in rete è quello edito da Hoepli, casa editrice specializzata nella produzione di testi di consultazione e strumenti didattici.

Questo vocabolario vuole dare risposte essenziali e precise a chi ricerca un valido strumento per lo studio o per il lavoro, ed è composto da oltre 33mila lemmi e oltre 50mila voci, accezioni ed esempi; grazie al layout ad alta leggibilità la consultazione è facile e immediata, e gli esempi pratici e i modi di dire chiariscono le sfumature di significato delle parole.

Il dizionario vero e proprio è corredato da un’appendice in cui sono presentate delle schede grammaticali, degli esempi di coniugazione dei verbi e alcune note sulla cultura e civiltà francese e francofona; questo vocabolario francese italiano compatto è disponibile su Amazon a partire da 23,71€, su IBS.it e su Hoepli allo stesso prezzo.

-15%

Il Boch Minore, dizionario bilingue compatto di Zanichelli

Il secondo dizionario compatto che mettiamo a confronto con l’edizione Larousse è il Boch Minore, ovvero l’edizione più piccola del grande dizionario di francese di Zanichelli.

Anche in questo caso presentiamo l’edizione base, ma online è disponibile anche lo stesso dizionario con versione digitale inclusa. Questo vocabolario compatto con copertina flessibile comprende circa centomila voci e 140mila accezioni, insieme a moltissimi esempi per comprendere i contesti d’uso e le reggenze e combinazioni di parole più comuni.

I 760 falsi amici evidenziati all’interno del vocabolario sono utili per evitare di commettere errori di distrazioni, e le note d’uso sono indispensabili per risolvere dubbi sull’uso di alcuni vocaboli e comprendere appieno il signifcato dei più ambigui. Le parole più frequenti del lessico di base sono segnalate grazie a un layout particolare, e alla fine sono riportate le tavole di coniugazione dei verbi francesi e italiani.

Molto adatto come dizionario di francese per la scuola media, questa edizione di Zanichelli è in vendita su Amazon a partire da 26,26€, su IBS.it allo stesso prezzo e su Hoepli a 27,81€.

-15%

Dizionario francese italiano tascabile DeAgostini

Dopo aver visto i due migliori dizionari grandi e modelli compatti, passiamo ai vocabolari francese italiano tascabili, utili per quando si va in viaggio o si ha bisogno di uno strumento più leggero da portare nello zaino.

Il primo dizionario bilingue tascabile è quello edito da DeAgostini, da sempre un punto di riferimento per l’editoria scolastica; realizzato in piccolo formato con copertina flessibile, comprende circa 40mila vocaboli, per i quali è indicata la corretta pronuncia in francese, e tutte le informazioni essenziali per orientarsi nello studio e nell’esercitazione della lingua.

Oltre ai termini e al loro significato, il dizionario comprende anche una sezione di fraseologia per comprendere meglio le reggenze di nomi, aggettivi e verbi, con le coniugazioni e i significati dei verbi irregolari. Questo dizionarietto super compatto edito da DeAgostini è ideale per i viaggi, ed è disponibile su Amazon a partire da 6,90€, su IBS.it e Hoepli.

-8%

Dizionario francese italiano Garzanti

Il secondo e ultimo dizionario tascabile francese italiano che confrontiamo è quello pubblicato da Garzanti nella collana dei Garzantini, dedicata proprio alle edizioni tascabili dei grandi dizionari.

Realizzato in un’edizione di medio formato con copertina flessibile, questo dizionario contiene circa 180mila parole e significati, con 500 neologismi e il lessico di base francese e italiano evidenziato con un layout speciale. Per ogni nome sono elencati i sinonimi e i contrari oltre a note grammaticali, lessicali e di civiltà.

Anche questo vocabolario comprende la trascrizione fonetica per la corretta pronuncia in francese, oltre a schede informative sui falsi amici per evitare errori di distrazione e sovrapposizione dall’italiano al francese.

Questo vocabolario in formato tascabile edito da Garzanti è disponibile su Amazon a partire da 20,40€.

-15%

Un ottimo traduttore dal francese all’italiano?

Il miglior traduttore dal francese all’italiano? Nessun traduttore sarà mai migliore di una persona in carne ed ossa con una solida competenza grammaticale e un buon dizionario cartaceo, ma se cerchi un traduttore affidabile online dal francese all’italiano puoi provare con Google Traduttore, Word ReferenceReverso Context o il Dizionario francese Olivetti, i migliori in questo campo.

Come scegliere il dizionario francese italiano

Come abbiamo già anticipato, esistono diverse tipologie di dizionario di francese: le edizioni si differenziano anche per dimensioni e formato, numero di parole inserite, presenza di schede e box di approfondimento e di un’appendice con il ripasso della grammatica.

Come si fa a scegliere il migliore dizionario francese italiano , tenendo conto delle proprie esigenze e dell’uso che si farà di questo strumento? Ecco la guida all’acquisto con tutte le caratteristiche, in ordine di importanza, da tenere d’occhio nella scelta dell’edizione migliore per le proprie esigenze di studio, di lavoro o semplicemente di passione per la lingua francese.

Formato e dimensioni

I dizionari francese italiano hanno dimensioni, peso e formato diversi a seconda del numero di parole e del livello di approfondimento.

Ovviamente questi dizionari si differenziano anche in base alla funzione: mentre i modelli grandi “da tavolo” sono utilizzati soprattutto durante il periodo scolastico o per la traduzione professionale, i modelli tascabili sono molto utili quando si è in viaggio e si ha bisogno di uno strumento leggero e facile da consultare in tempi stretti.

A metà tra il dizionario grande e quello tascabile vi è il vocabolario compatto, una via di mezzo tra i due, che offre un lessico medio. In generale i dizionari grandi arrivano a contenere anche 500mila parole, un numero che si fa via via minore passando per i modelli compatti e le edizioni tascabili.

Il formato dei dizionari grandi, compatti e tascabili è diverso: i primi sono sempre di grandi dimensioni con copertina rigida, i secondi hanno un formato intermedio tra l’A4 e l’A5 e copertina rigida o flessibile a seconda delle edizioni. I volumi tascabili hanno sempre un formato A5 o inferiore, con copertina flessibile per una maggiore leggerezza.

I più durevoli sono ovviamente i dizionari grandi, sia per la copertina rigida e la rilegatura di pregio che per il fatto che non vengono quasi mai trasportati; i più fragili sono i modelli tascabili, che possono costare anche pochi euro ma che hanno una rilegatura nettamente inferiore.

Numero di parole e accezioni

Per quanto un vocabolario possa essere molto di più del mero numero di parole che contiene, è chiaro che la quantità di lemmi e voci presenti all’interno del dizionario è una caratteristica fondamentale nella scelta dell’edizione più adatta alle proprie esigenze.

Come abbiamo già detto, i dizionari grandi possono contenere anche 500mila parole, un numero che via via diminuisce con il ridursi del formato e del prezzo del vocabolario.

Oltre al numero di parole è importante anche il numero di accezioni, ovvero di sfumature di significato: le parole non significano una sola cosa, quindi maggiori saranno le accezioni, maggiore sarà l’ampiezza di significati che il vocabolario è in grado di proporre.

Appendice e box informativi

Se è vero che in un dizionario, di qualsiasi tipo esso sia, il numero di parole è molto importante, è anche vero che a parità di lemmi sarà il dizionario con più informazioni aggiuntive a essere il migliore.

Il vocabolario non è infatti soltanto un contenitore di parole, ma riesce a dare indicazioni e suggerimenti su come utilizzarle; esso fornisce direttive sulla fraseologia, sulle reggenze e sulle irregolarità di nomi e verbi, oltre a note informative di cultura e civiltà, numeri e misure.

La presenza di box informativi e schede di cultura e storia della lingua è una caratteristica importante se sei alla ricerca di uno strumento avanzato, che possa fornirti non solo la traduzione delle parole ma anche il loro utilizzo nei diversi contesti. L’appendice grammaticale, inoltre, può rappresentare un’ottima risorsa per rispolverare la sintassi e la morfologia senza dover ricorrere al manuale di grammatica.

Chiarezza e facilità di consultazione

La leggibilità è una caratteristica determinante nella scelta del miglior dizionario francese italiano: un vocabolario può essere anche ricchissimo di parole, accezioni, box informativi e appendici grammaticali, ma se il carattere del testo è troppo piccolo o la spaziatura è troppo scarsa si tratterà comunque di uno strumento inutile, perchè semplicemente non riusciremo a leggerlo.

Ecco perchè le case editrici specializzate nella produzione di dizionari e altre opere di consultazione si sono concentrate negli ultimi anni sulla leggibilità, introducendo innovazioni che fino a un decennio fa erano impensabili per un vocabolario. L’utilizzo della bicromia, in particolare, è stato davvero rivoluzionario, perchè i dizionari sono sempre stati stampati in bianco e nero, e invece avere un colore in più per evidenziare le parole o la loro traduzione ha migliorato di molto la leggibilità dei vari volumi.

Anche l’interlinea, i margini e lo stile di formattazione contribuiscono a migliorare la leggibilità, allo stesso modo del grassetto e del corsivo per evidenziare costruzioni particolari, frasi d’autore, eccetera. Ovviamente i dizionari più leggibili sono quelli grandi, che non devono farsi troppi problemi in termini di numero di pagine e possono permettersi un testo più grande e spaziature più ampie.

Versione digitale e app dedicata

Chi sceglie di acquistare un dizionario tascabile spesso lo fa per esigenze di leggerezza e maneggevolezza, così da portarlo tranquillamente nello zaino e in viaggio; questi dizionari però non hanno l’ampiezza di parole e significati tipici delle edizioni grandi e complete, che però sono praticamente impossibili da trasportare senza sentirne il peso.

È possibile trovare un compromesso tra leggerezza e completezza di informazioni? Sì, grazie alle versioni digitali dei grandi dizionari: app dedicate, software scaricabili, programmi da installare e molto altro permettono di portare con sè tutto il vocabolario senza dover acquistare un’alternativa tascabile o dover rinunciare alle sfumature di significato.

Non tutti i dizionari includono una versione digitale, e se questo per te è un requisito fondamentale sarà necessario accertarsi di star scegliendo un’edizione in cui è compreso anche il software scaricabile o l’app dedicata.

Dove acquistare il migliore dizionario francese italiano

Ora che sai tutto, ma davvero tutto, sui dizionari francese italiano, potrai scegliere il più adatto alle tue esigenze in base al formato, al numero di parole, alla leggibilità del testo e alla presenza di box e schede informative.

I vocabolari hanno solitamente un prezzo elevato, soprattutto per quanto riguarda le edizioni più affidabili e prestigiose; oltre che nelle librerie specializzate, puoi acquistare il vocabolario di francese su Amazon approfittando delle offerte, confrontando le opinioni e recensioni degli utenti che lo hanno già comprato. Au revoir!

Fonte: I migliori dizionari francese italiano – Marzo 2019

I migliori dizionari tedesco italiano e monolingua

I migliori dizionari tedesco italiano e monolingua

Che tu sia un principiante, uno studente del liceo linguistico o abbia già un buon livello di dimestichezza con la lingua, il dizionario tedesco italiano e monolingua è uno strumento necessario per migliorare la conoscenza del tedesco e conoscere nuove parole.

Ci sono molti traduttori online, alcuni anche parecchio affidabili, ma il dizionario cartaceo è necessario per comprendere meglio il significato delle parole e avere esempi di frasi e contesti d’uso. Il tedesco è una lingua difficile da imparare, ma è molto spendibile nel mondo professionale, quindi è necessario dotarsi di uno strumento valido e di qualità per ottimizzare il nostro tempo di studio. Se studi il tedesco da autodidatta ancor di più: i migliori vocabolari tedesco italiano contengono anche molte informazioni sulla grammatica e sugli errori più comuni.

Una lingua importante e complessa come il tedesco ha bisogno del migliore dizionario di tedesco per facilitarne l’apprendimento: ecco una guida completa ai migliori vocabolari tedesco italiano, con attenzione ai dizionari tecnici e al migliore dizionario monolingua di tedesco tra quelli disponibili online.

Potrebbe interessarti anche: i migliori dizionari inglese italiano e monolingua

Migliori dizionari tedesco italiano

Chi ha appena iniziato a studiare il tedesco, magari da autodidatta, o studia questa lingua al liceo linguistico dovrà necessariamente dotarsi di un dizionario tedesco italiano, ovvero di un volume che contiene da un lato le parole in tedesco e dall’altro la traduzione in lingua italiana.

Questi volumi si dividono in dizionari grandi, medi e tascabili: si distinguono non solo in base alle dimensioni, ma anche relativamente al numero di parole, alla presenza di trascrizione fonetica, schede e box con spiegazioni grammaticali e in generale al layout e alla leggibilità. È inoltre importante capire se il dizionario è allineato o meno alla riforma ortografica tedesca, entrata in vigore nel 2005 con l’obiettivo di semplificare alcuni aspetti della lingua e assimilare le eccezioni e le particolarità più rare.

Esempi chiari di utilizzo delle parole in contesti d’uso differenti, la presenza di una versione digitale o di un CD audio, l’inserimento di neologismi e prestiti dalle altre lingue rappresentano altre caratteristiche importanti da valutare nella scelta del miglior vocabolario bilingue per le tue esigenze.

Il nuovo dizionario di tedesco Zanichelli

Il primo dizionario tedesco italiano del nostro confronto è il volume di Zanichelli, una casa editrice diventata leader nella diffusione di opere di consultazione e dizionari.

Questo vocabolario appartiene alla categoria dei dizionari grandi, ha un formato a4 ed è rilegato con copertina rigida; comprende circa 174mila voci e più di 210mila significati, oltre a 500 falsi amici e 170 note d’uso per evitare gli errori e risolvere i dubbi.

Oltre agli elementi della lingua, il dizionario include anche delle note sulla cultura e civiltà tedesca e una piccola grammatica alla fine del vocabolario con modelli di lettere, tabelle relative alle coniugazioni dei verbi, ma anche ai pesi e alle misure. Questo dizionario edito da Zanichelli include anche la versione digitale ed è in vendita su Amazon a partire da 69€, su IBS e Hoepli da 83,50€.

Dizionario tedesco italiano Dit Paravia

Tra i dizionari tedesco italiano più apprezzato in rete c’è il volume di Paravia, storica casa editrice da sempre impegnata nella diffusione di dizionari affidabili e completi.

Anche in questo caso si tratta di un dizionario grande, in formato a4 con layout a due colori e copertina rigida, che comprende circa 110mila voci tedesche con divisione in sillabe e accenti tonici per capire come pronunciare al meglio le parole. Completano l’opera le schede sulla civiltà della Germania e 100 modelli di lettere tedesche ufficiali e professionali.

Alla fine del volume ci sono delle tabelle riassuntive di grammatica e un repertorio di frasi utili; è disponibile con versione digitale inclusa su Amazon a partire da 76,16€, su Hoepli e su IBS da 89,60€.

-15%

Dizionario tedesco italiano Sansoni

Un dizionario grande a un prezzo piccolo: il vocabolario tedesco italiano di Sansoni non è aggiornato in base alla riforma ortografica tedesca, ma resta comunque uno strumento valido ed economico per lo studio del tedesco.

Comprende più di 300mila lemmi tedeschi e italiani, una forte presenza di neologismi e un’attenzione filologica all’evoluzione della lingua tedesca. Sono presenti glosse esplicative e un layout chiaro che rende più facile la consultazione, e inoltre la presenza di molti esempi pratici con frasi e costruzioni idiomatiche permette di comprendere meglio le reggenze e particolarità di nomi e verbi.

Con indicazioni della pronuncia e versione digitale scaricabile dal sito web dell’editore, questo vocabolario tedesco italiano con copertina flessibile è disponibile su Amazon a partire da 31,20€ e su IBS allo stesso prezzo.

-15%

Dizionario di tedesco medio Hoepli

Passiamo ai dizionari medi con il volume di Hoepli, presentato in un formato più piccolo rispetto al classico a4 e con copertina flessibile.

Si tratta di un vocabolario compatto, che contiene circa 36mila lemmi e 40mila accezioni; essenziale e facile da consultare, comprende i termini più utilizzati nella lingua tedesca, qualcosa in più del lessico di base ma qualcosa in meno rispetto a un dizionario grande. Un layout chiaro e molto leggibile facilita l’operazione di consultazione, rendendo semplice trovare la parola che si sta cercando.

Corredato da esempi, modi di dire, frasi tipiche e un’appendice essenziale sulla grammatica tedesca, è disponibile su Amazon a partire da 33,91€, su Hoepli e su IBS da 27,90€.

-15%

Dizionario di tedesco medio Garzanti

Un altro dizionario medio apprezzato per l’affidabilità e la maneggevolezza è il volume di Garzanti, una casa editrice molto apprezzata sia per i testi scolastici che per le opere di consultazione.

Comprende 175mila parole e significati, circa 500 neologismi e il lessico di base evidenziato con colori diversi per facilitare la fruizione e la leggibilità del dizionario. Per ogni parola è indicata la trascrizione fonetica, un elemento molto importante per migliorare la pronuncia del tedesco; ci sono anche i sinonimi e contrari, le note grammaticali e le schede informative di civiltà e cultura.

In appendice al vocabolario c’è un inserto con il lessico e la fraseologia per ogni ambito della vita quotidiana e professionale; il dizionario compatto di Garzanti è disponibile su Amazon a partire da 27,70€, su IBS e su Hoepli da 32,90€.

-15%

Dizionario di tedesco compatto Zanichelli

Anche Zanichelli ha realizzato un dizionario compatto, in formato tascabile con copertina flessibile e adatto per essere portato ovunque nello zaino.

Con circa 32mila lemmi e 42mila significati, questo vocabolario ha l’obiettivo di fornire tutto il lessico di base ed essere uno strumento pratico per viaggiatori, studiosi e appassionati della lingua tedesca. Per tutte le parole non composte è indicata la trascrizione fonetica, e vi è una breve introduzione alla grammatica tedesca con delle schede dedicate anche alla fraseologia.

Con circa 4000 esempi e locuzioni e una parte introduttiva per l’alfabeto e la pronuncia del tedesco, il dizionario compatto di Zanichelli è un utile strumento per chi si avvia allo studio della lingua, ed è disponibile su Amazon a partire da 13,99€, su IBS e su Hoepli da 16,90€.

-17%

Grande dizionario tecnico di tedesco

Concludiamo il nostro confronto tra dizionari tedesco-italiano con due dizionari tecnici, ovvero vocabolari dedicati al lessico relativo a specifici settori come l’economia, l’informatica, la giurisprudenza e il settore commerciale.

Il primo dizionario tecnico consigliato dagli utenti è quello di Hoepli; giunto alla sua terza edizione, questo vocabolario comprende più di 250mila lemmi e accezioni che spaziano dai settori dell’ambiente, alla tecnologia, fino ad arrivare alla comunicazione e al mondo dell’informatica. Per ogni termine è indicato il settore d’uso e degli esempi pratici.

In appendice al vocabolario è possibile trovare tabelle con unità di misura, simboli matematici, cifre ed elementi della chimica; questo dizionario tecnico è disponibile su Amazon a partire da 40,90€ e su Hoepli da 70€.

Dizionario economico di tedesco

L’ultimo dizionario tedesco italiano che mettiamo a confronto è un vocabolario tecnico pubblicato da Zanichelli e relativo al settore dell’economia.

Si tratta di un dizionario di grande formato dedicato al mondo economico, ovvero ai settori della finanza, dell’economia aziendale, economia politica, borsa, commercio, diritto tributario, mercati monetari e assicurazioni. Comprende oltre 76mila voci e più di 150mila frasi ed esempi pratici tratti da contesti d’uso reali, che permettono allo studente di capire meglio il significato di alcune parole.

Non mancano poi parole relativi a settori affini all’economia, come la statistica, le scienze sociali e la finanza pubblica. Il dizionario dell’economia di Zanichelli è in vendita su Amazon a partire da 93€ e su IBS da 109,50€.

-15%

Migliori dizionari tedesco monolingua

Come per tutte le lingue straniere, anche il dizionario monolingua tedesco è pensato per studenti che abbiano una conoscenza avanzata della lingua e vogliono provare a cimentarsi con uno strumento di consultazione scritto solo in tedesco.

Il dizionario monolingua è quindi adatto a chi ha già dimestichezza, mentre è sconsigliato per i principianti perchè potrebbe confondere chi ha delle conoscenze di base. Che cos’è un dizionario monolingua? È esattamente come un dizionario di italiano: invece della traduzione nella propria lingua madre, ogni voce è corredata dalla spiegazione del significato scritta in lingua tedesca. Sono molto utili soprattutto a chi deve sostenere il DaF, ovvero l’esame di conoscenza della lingua tedesca per stranieri.

Oltre a poter acquistare qualsiasi dizionario di tedesco venduto in Germania per i Tedeschi stessi (proprio come i nostri dizionari di italiano), in rete sono disponibili questi due dizionari monolingua pensati per gli studenti che hanno già una competenza avanzata. Ecco i due migliori vocabolari monolingua di tedesco disponibili in rete.

Dizionario monolingua Langenscheidt Großwörterbuch

Il dizionario monolingua di Langenscheidt è uno dei più apprezzati dagli studenti stranieri che vogliono imparare il tedesco grazie alla sua completezza e facilità di consultazione.

Il vocabolario comprende 90mila parole tedesche: per ognuna di esse ci sono i relativi significati e moltissime frasi d’esempio, per comprendere meglio il contesto d’uso e capire quando utilizzare un termine piuttosto che un altro. I box informativi forniscono inoltre molte informazioni di tipo grammaticale, sintattico, e lessicale, oltre a segnalare le parole del tedesco regionale e i localismi.

Questo dizionario monolingua è apprezzato anche per la facilità di fruizione: l’evidenziazione colorata delle parole ne rende più semplice la consultazione; è disponibile online a partire da 21,79€.

-15%

Dizionario monolingua Duden

Il Duden è uno dei dizionari più apprezzati e prestigiosi in Germania, e questo vocabolario monolingua giunto all’ottava edizione è tra i più apprezzati in rete.

Si tratta di un dizionario grande, che comprende circa 500mila parole e accezioni, di cui un migliaio di neologismi e parole frequenti nella nostra attualità; c’è spazio anche per il lessico settoriale e le varianti regionali, con molte frasi ed esempi di utilizzo. Il vocabolario comprende una versione digitale che permette, tra le altre cose, di ascoltare gli audio con la pronuncia delle parole e migliorare la propria intonazione.

Anche in questo caso la leggibilità del dizionario monolingua è resa più semplice grazie al colore diverso dei lemmi, e in appendice ci sono delle schede grammaticali e lessicali. È in vendita su Amazon a partire da 41,56€.

-6%

Un traduttore italiano tedesco affidabile?

Se sei alla ricerca di un traduttore italiano tedesco affidabile, che ti permetta di tradurre velocemente frasi brevi senza troppe riflessioni sul significato delle parole e sulla grammatica, puoi usare Reverso, Pons, Leo o lo stesso Google traduttore.

I traduttori sono utili per chi è in viaggio o quando proprio non si ricorda una parola specifica, ma per imparare la lingua non serve utilizzare il traduttore, è necessario un vero e proprio dizionario.

Come scegliere il dizionario di tedesco

Il confronto tra diverse edizioni di dizionari tedesco italiano e vocabolari monolingua ci ha già permesso di capire quali sono le caratteristiche da tenere d’occhio nella scelta del miglior dizionario di tedesco per le tue esigenze.

Ecco nel dettaglio la guida all’acquisto con tutte le caratteristiche spiegate passo passo, in modo da poter scegliere il vocabolario bilingue o monolingua maggiormente in grado di aiutarti nello studio e nel lavoro.

Formato e rilegatura

Come abbiamo già visto nel confronto tra le diverse edizioni, i dizionari possono essere grandi, medi o tascabili:

  • i dizionari grandi sono generalmente di formato A4 con copertina rigida e cartonata, contengono praticamente tutte le parole di una lingua e sono ricchi di schede grammaticali e box informativi; sono spesso realizzati in bicromia, quindi utilizzando il nero e un altro colore per migliorare la leggibilità. Sono dizionari da tavolo, molto voluminosi e abbastanza pesanti da trasportare.
  • i dizionari medi sono solitamente di formato A5 o similare, e possono avere sia la copertina rigida che la copertina flessibile; non contengono tutte le parole di una lingua, ma sicuramente offrono qualcosa in più rispetto al semplice lessico di base. Devono coniugare delle esigenze di completezza con la necessità di essere strumenti maneggevoli, e spesso questo si traduce in caratteri di stampa più piccoli e pagine meno spesse.
  • i dizionari tascabili sono di formato A5 o A6 e hanno sempre la copertina flessibile. Contengono il lessico di base di una lingua, ovvero le parole fondamentali da conoscere e imparare per riuscire a comunicare in modo basico. Sono abbastanza leggeri e ideali per essere portati in borsa o nello zaino senza sentirne eccessivamente il peso.

La rilegatura di un dizionario riguarda tutti questi aspetti, ma è anche il modo in cui le pagine degli interni sono tenute insieme. Esistono due tipi di rilegature per i dizionari, quella incollata e quella cucita. Tra le due, è preferibile la rilegatura cucita, che permette di aprire completamente le pagine di un dizionario senza il rischio che esse si stacchino.

Anche lo spessore delle pagine, quindi la loro grammatura, è importante: la maggior parte dei vocabolari economici utilizza pagine molto sottili, anche per rendere i dizionari meno voluminosi; questo aspetto può rappresentare un problema in termini di robustezza del dizionario, perchè è più probabile che le pagine possano strapparsi.

Numero di parole

Per quanto un dizionario non si valuta esclusivamente in base al numero di parole che contiene, c’è da dire che ovviamente la quantità di lemmi rappresenta una caratteristica fondamentale di un buon vocabolario, e dal numero di voci dipendono il formato, le dimensioni, il peso e in generale la tipologia di dizionario.

I dizionari grandi possono arrivare a contenere anche 300mila parole e altrettanti significati, mentre un buon dizionario tascabile può contenerne circa 40mila: si tratta di una differenza enorme, ma va detto anche che in tutte le lingue ci sono parole ad altissima frequenza e parole che invece non utilizziamo mai.

La scelta della tipologia di dizionario tedesco italiano o monolingua dipende dalle tue esigenze: se vuoi uno strumento agile e facile da consultare, che sia pratico e abbia l’indispensabile, allora potrai scegliere un dizionario tascabile. Se invece sei alla ricerca di uno strumento che ti aiuti ad ampliare il lessico, comprendere le connessioni tra le parole e portarti ad avere una solida padronanza della lingua, allora dovrai optare per un’edizione completa con tutte le parole della lingua.

Leggibilità

Una caratteristica importante da tenere in considerazione nella scelta del miglior dizionario tedesco italiano e monolingua è la facilità di consultazione del dizionario, quindi quanto il vocabolario sia leggibile e le parole semplici da trovare.

Cosa serve per migliorare la leggibilità e la facilità di consultazione di un vocabolario? Innanzitutto la bicromia, ovvero la presenza di un altro colore oltre al nero per evidenziare le voci più frequenti, i box e le schede informative; anche la formattazione del testo è un elemento che determina la facilità di lettura di un dizionario. Saranno preferibili dei caratteri grandi e una spaziatura ampia, in modo da non affaticare troppo gli occhi, soprattutto per chi ha già problemi di vista.

L’utilizzo del grassetto e del corsivo può essere utile per permettere allo sguardo di individuare subito le frasi d’autore, i sinonimi o i contesti d’uso. I dizionari più leggibili sono solitamente quelli grandi, che non devono preoccuparsi troppo del numero di pagine e possono permettersi di usare caratteri e spaziature più ampie; i dizionari tascabili sono invece i più penalizzati, proprio per l’esigenza di contenere molte parole in un numero di pagine ridotto e in un formato più piccolo.

Appendice

Un dizionario non è formato solo dalle parole e dal significato, ma può diventare un vero e proprio strumento di conoscenza e riflessione sulla lingua grazie a una serie di elementi che è possibile trovare al suo interno.

Certo, la condizione necessaria perchè un volume rappresenti un buon dizionario è data dall’ampiezza del lessico e dalla precisione della traduzione o delle definizioni; la conoscenza della lingua non passa tuttavia solo attraverso il numero di parole che si imparano, ma anche e soprattutto nell’imparare a legare bene queste parole, incorporando i modi di dire, le frasi ideomatiche e comprendendo a fondo le reggenze di nomi e verbi.

Box informativi, schede grammaticali, frasari, lessico specifico per settore, frasi d’autore e collegamenti con altre parole sono elementi non fondamentali in un dizionario, ma sicuramente importanti per la nostra formazione linguistica: questi strumenti, disponibili sia nell’appendice che nel mezzo del dizionario, sono un valido alleato per migliorare le proprie competenze e capire i contesti d’uso di determinate parole.

Versione estendibile online

La maggior parte dei dizionari visti nel nostro confronto sono dotati di una versione digitale, che può essere di diversi tipi: CD, app dedicata o software scaricabile sul PC.

Si tratta di un punto da tenere in considerazione nella scelta del dizionario migliore in base alle esigenze di ognuno: chi è spesso fuori casa, ma è alla ricerca di un dizionario grande ma voluminoso, può portarlo sempre con sè nel caso in cui questo dizionario abbia un’applicazione compatibile per Windows, iOS e Android.

Se invece sei alla ricerca di un modello tascabile, probabilmente non avrai a disposizione la versione digitale: si tratta infatti di una funzionalità solitamente riservata alle edizioni top di gamma, ovvero ai dizionari più grandi e completi.

Dizionari tedesco italiano e monolingua su Amazon

I dizionari di tedesco sono degli strumenti importanti per apprendere una lingua affascinante ma complessa, e considerato che molti imparano il tedesco per avere la prospettiva di maggiori opportunità lavorative, è necessario avere una conoscenza non troppo superficiale della lingua.

La riforma ortografica tedesca entrata in vigore nel 2005 ha permesso di semplificare un po’ alcuni aspetti arcaici e ormai inutilizzati della grammatica e sintassi tedesca, ma la presenza delle declinazioni e l’abbondanza di parole composte porta la necessità di dotarsi di uno strumento valido e di qualità, che riesca a risolvere tutti i nostri dubbi.

I dizionari grandi in questo sono favoriti rispetto a quelli medi e tascabili, soprattutto se hanno una valida versione digitale che permette di portare il vocabolario con sè senza doverne sostenere il peso. Tutti i volumi di cui abbiamo parlato sono disponibili su Amazon nella categoria dedicata ai Dizionari, dove è possibile trovare anche una buona Grammatica della lingua tedesca. Buona fortuna, anzi, Viel Glück!

Fonte: I migliori dizionari tedesco italiano e monolingua

Polenta e salsiccia: la ricetta del piatto semplice e ricco di gusto

Polenta e salsiccia: la ricetta del piatto semplice e ricco di gusto

Facile 50min Per 4 persone

ingredienti

  • Per la polenta
  • Acqua 2 litri • 21 kcal
  • Farina per polenta 500g • 362 kcal
  • Sale q.b • 750 kcal
  • Olio d’oliva q.b. • 901 kcal
  • Per la salsiccia
  • Cipolla bianca 1 • 661 kcal
  • Salsiccia 8
  • Vino bianco 1 bicchiere • 21 kcal
  • Polpa di pomodoro 400g • 18 kcal
  • Sale q.b. • 750 kcal
  • parmigiano o pecorino q.b

Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

La polenta con salsiccia è un piatto povero tipico della tradizione culinaria italiana, preparato e gustato soprattutto nei freddi mesi invernali. Una ricetta facilissima da preparare, ottima anche come piatto unico perchè ricco di proteine e carboidrati. La dolcezza della polenta si sposa perfettamente con il sapore deciso della salsiccia sfumata con del vino bianco e successivamente cotta in un sugo di pomodoro. Se avete voglia di un piatto sostanzioso e ricco di sapore all’insegna della tradizione, la polenta con salsiccia è decisamente quello che fa per voi, vediamo insieme come farla senza errori!

Come preparare la polenta con salsiccia

Versate due litri di acqua in una pentola capiente e non appena avrà raggiunto il bollore aggiungete il sale e versate a pioggia la farina di mais (1). Mescolate prima con una frusta così da non formare grumi e successivamente con un mestolo in legno (2). Versate un filo di olio e fate cuocere a fiamma dolce per 40 minuti mescolando di tanto in tanto per non far attaccare la polenta al fondo della pentola. Tagliate a rondelle sottili una cipolla bianca e fatela dorare in una padella capiente con un filo di olio Evo (3).

Spezzettate le salsicce e fatele rosolare per 3/4 minuti (4). Sfumate con un bicchiere di vino bianco (5) e fate evaporare l’alcol. Unite i pomodori pelati schiacchiandoli con un mestolo in legno (6). Condite con un pizzico di sale e fate cuocere a fiamma dolce per 10/15 minuti fino a che il sugo non si sarà addensato. Servite per ciascuna porzione un mestolo di polenta, unite una o due salsicce con abbondante sugo e gustate a piacere con del pecorino o del parmigiano.

Consigli

Per un piatto gourmet cuocete la polenta in forno per 10 minuti e tagliatela a tocchetti, servitela con la salsiccia cotta nel sugo e una spolverata di pecorino.

Potete conservare la polenta e in frigo per 4 giorni, se volete consumare della polenta avanzata tagliatela a triangolini e friggetela in abbondante olio di semi oppure cotta al forno con prosciutto e formaggio tagliato a cubetti.

Se amate le ricette a base di polenta provate la nostra ricetta a base di funghi e gorgonzola, un piatto ricco e facilissimo da fare.

Fonte: Polenta e salsiccia: la ricetta del piatto semplice e ricco di gusto

Conviene investire nella Sterlina d’Oro?

La Sterlina d’Oro rappresenta la più prestigiosa moneta a livello mondiale, realizzata seguendo standard elevati e diventando a tutti gli effetti uno strumento di investimento importante. Esente dall’IVA e sul territorio inglese dell’imposta sulla plusvalenza, è affidabile anche in un periodo storico come questo denso di cambiamenti come quelli dovuti alla Brexit.

Sterlina d’Oro, la quotazione e quanto vale

La quotazione della Sterlina d’Oro dipende da due fattori: quotazione dell’oro e valore numismatico. Il primo fattore è comprensibile ed è determinato dal valore dell’oro e dalla quantità di esso contenuta nella singola moneta. Il secondo fattore dipende dalle condizioni in cui è conservata la moneta. Ovviamente esistono pezzi più pregiati dovuti a precisi motivi, come la limitazione di produzione del conio o il perché è nata quella precisa moneta. Se il primo fattore, cioè la quotazione dell’oro, è influenzata dalle oscillazioni di mercato, il secondo elemento consente a queste monete di mantenere costante il proprio valore e con il trascorrere del tempo ad accrescerlo. Al fine di calcolare il valore della Sovrana, altro nome della Sterlina d’Oro, interviene anche il fatto se è principalmente una moneta numismatica oppure da investimento. Quest’ultimo tipo ha delle caratteristiche precise che determinato il suo valore. Deve possedere una purezza pari a 900 millesimi, con uno spread inferiore all’80% e deve essere stata coniata dopo il XIX secolo. In virtù di questi ulteriori elementi, calcolare con precisione il valore di una moneta da investimento non è molto semplice. Solamente una stima appurata può consentire di comprenderne. Diversamente le monete numismatiche possiedono delle caratteristiche come quelle precedentemente indicate che ne determinano il valore. Questo può essere molto superiore al prezzo dell’oro usato per crearle, poiché eventuali difetti di conio oppure celebrazioni per cui sono state create sono fattori che ne incrementano la quotazione.

Investire nella Sovrana

La Sterlina d’Oro è molto ricercata dai collezionisti di numismatica, ma anche dagli investitori. Esistono quelle monete che sono particolarmente rare, come la Sterlina Oro 1817, oppure quella con l’effige della Regina Vittoria o la più rara che risale al 1841 sempre con la raffigurazione della regina. La più quotata è una moneta del 1937 coniata per l’incoronazione di Edoardo VIII e venduta a 516.000 sterline nel 2014. Dunque per valutare quanto sia conveniente investire nella Sovrana dobbiamo ricordare:

  • esistono diverse quotazioni delle Sterline d’Oro. Dipendono da precisi fattori e soprattutto se parliamo di una moneta per collezionismo o per investimento;
  • le monete da collezioni possono avere prezzi molto superiori ed esse tendono ad un aumento di prezzo con il trascorrere del tempo;
  • queste monete, sia da numismatica sia da investimento, sono un buon acquisto che non soffre di deprezzamenti. Infatti tendono ad essere soggette ad incremento di valore.

Investire in Sterline d’Oro è una scelta da non trascurare assolutamente, nondimeno bisogna rivolgersi a venditori certificati. Infatti bisogna stare molto attenti ad i falsi d’autore, per questo serve acquistare la Sovrana avendo anche i documenti che ne attestano l’autenticità e garantiscono l’acquirente. In conclusione la Sovrana è un investimento sicuro, magari alcune monete non garantiscono un aumento apprezzabile nel tempo e come conseguenza un guadagno soddisfacente, nondimeno eliminano i rischi di vedere il proprio capitale depauperato dalle oscillazioni di mercato.

Arte e periferie, a Catania il “Cantico di Librino” pronto a innalzare la preghiera

Arte e periferie, a Catania il “Cantico di Librino” pronto a innalzare la preghiera

I volti e i cuori di oltre mille abitanti di Librino inneggiano alla gioia da uno dei muri che per anni ha segnato il destino del quartiere: quell’Asse attrezzato, spartitraffico tra il centro della città di Catania e la sua periferia, dove oggi s’incrociano rinascita e riscatto sociale. Oltre 500 metri di cemento armato e pregiudizi, abbattuti da “testimonianze” contemporanee di Amore e Speranza, divenuti archetipi identitari di un’intera comunità, grazie al linguaggio dell’anima e al potere della Parola.

Da una parte la “Porta della Bellezza” – che ha visto a lavoro 15 artisti, 2mila mamme e 2mila bambini per dodici opere monumentali realizzate con 9mila pezzi di terracotta – custodita e protetta dagli abitanti da più di dieci anni, divenuta vera e propria agenzia educativa nel deserto spirituale e nel buio interiore che a volte padroneggia le larghe vie della periferia. Dall’altra, la nuova opera “Il Cantico di Librino”, progetto artistico che ha coinvolto 10 fotografi e migliaia di cittadini che hanno ribattezzato la loro esistenza nel nome di San Francesco. Oggi quello snodo viario diventa un vero e proprio raccordo di emozioni: collegamento tra realtà e speranza; connessione tra la vita e l’arte. Tutto questo ha la firma del maestro Antonio Presti, presidente di Fiumara d’Arte, mecenate che ha dato voce alla dignità e al coraggio di chi vuole credere nel cambiamento. Un polo artistico, ma soprattutto etico, che ha restituito nuova identità universale a bambini, anziani, e a tutti coloro che hanno accolto la rinascita con stupore ma soprattutto con la consapevolezza di far parte di un più ampio progetto di rinnovamento.

La parentesi di luce che riecheggia grazie alla preghiera del Santo d’Assisi, risplende nei ritratti fotografici che parlano la lingua della purezza, delle emozioni, dei valori. L’opera monumentale adesso è realtà. E celebra la Pace e la Fratellanza tra le rotonde e gli incroci, tra le scuole e le chiese, tra le speranze e le preghiere: una benedizione, un riscatto sociale per tutti quegli abitanti che ritrovano la speranza nello sguardo di un figlio; la tenerezza in quella di un nonno che non si piega al peso del tempo. «Abbiamo finalmente concluso il percorso – sottolinea Presti – i muri del quartiere ora parlano la lingua dell’unione, nutrendo l’anima attraverso la consapevolezza di far parte tutti – senza distinzione alcuna – della stessa eternità».

L’emozione si respira tutt’intorno. La senti nell’aria. Sotto il cavalcavia c’è un viavai di passanti, ci sono le auto in fila che rallentano la loro corsa per cercare un volto familiare, e ritrovarsi in un messaggio etico che rimbomba forte nella preghiera “Laudato sii”. «Perché il Cantico dà voce all’umanità del mondo, restituendo sacralità al presente e annientando la logica dell’avere e del potere – continua il maestro Presti – “Nomen omen”, il destino è nel nome di chi è stato ribattezzato grazie al Cantico e oggi in quell’appellativo o in quell’aggettivo si rispecchia e trova una nuova identità: “Cielo sereno”, “Luna raggiante”, “Acqua Preziosa”. Nella società dell’immagine, quest’opera diventa una macchina di luce per il pubblico, per tutti coloro che – entrando a Librino con pregiudizio e diffidenza – da lì passeranno e dovranno scollegarsi dall’ordinario per ricollegarsi all’universale. Vedere il Cantico vivere e respirare nel quartiere è una gioia che tocca le corde del cuore e mi commuove. Gli abitanti sono felici di avere percorso quest’esperienza non solo estetica, ma soprattutto spirituale, scorgendo il valore universale di un testo sacro che restituisce al cuore il respiro della Bellezza».

«Metterci la faccia per noi è stato importante – commenta la signora Mariolina Blanco, abitante del quartiere e protagonista del Cantico – quest’iniziativa dà luce a Librino e da quest’opera noi desideriamo ripartire per rinascere e per combattere quella mentalità imperante, da sempre ostaggio di sfiducia». Un’iniziativa, quella del mecenate Presti, che diventa laboratorio all’interno delle chiese e delle scuole: «Il potere è sapere, la schiavitù è ignoranza – conclude Presti – e più che mai alle scuole bisogna restituire il ruolo di tempio della conoscenza. La gioventù scegliendo l’arte e la bellezza, in quell’armonia di sensazioni, trova la sua libertà. Dobbiamo ritornare a consegnare il futuro ai nostri figli, perché l’utopia non è ciò che non si può realizzare, ma è ciò che il sistema non vuole che si realizzi. E Librino, da quell’utopia, oggi ha preso forma e corpo, ritrovando nella supplica di San Francesco il valore universale della Bellezza».

L’installazione fotografica monumentale, che s’innesta nel più grande progetto del Museo dell’Immagine e dell’Arte Contemporanea di Librino, è stata realizzata grazie al contributo dei fotografi Arianna Arcara, Luigi Auteri, Valentina Brancaforte, Cristina Faramo, Claudio Majorana, Alessio Mamo, Orazio Ortolani, Maria Sipala, coordinati dal catanese Antonio Parrinello, con la straordinaria partecipazione del rinomato fotografo franco-iraniano Reza Deghati e del fratello e collega Manoocher.

L’opera il Cantico di Librino, la cui installazione volge al termine proprio in questi giorni, verrà inaugurata lunedì 25 marzo, alle ore 10.30, alla presenza di autorità, istituzioni, associazioni, volontari, scuole e tutti i fotografi e cittadini che hanno consentito che l’idea di Antonio Presti prendesse forma e vita nel quartiere dove da anni il mecenate si spende senza sosta.

Partecipa alla discussione. Commenta l’articolo su Messinaora.it

Fonte: Arte e periferie, a Catania il “Cantico di Librino” pronto a innalzare la preghiera

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi