La storia di un software correttivo: l’auto-tune

La storia di un software correttivo: l

Forse, non tutti sono a conoscenza che “Believe” di Cher, uscita nel 1998, fu la prima canzone in assoluto a fare un uso chiaro ed esplicito dell'Auto- tune. Quest'ultimo è un software proprietario creato dalla Antares Audio Technologies nel 1997, che ha come obiettivo la correzione dell'intonazione o il mascherare piccole imperfezioni della voce. Spesso viene anche utilizzato per creare effetti di vera e propria distorsione del suono, che inducono molti gruppi e solisti ad ottenere un incredibile successo commerciale. Per i più tradizionalisti questo tool è divenuto un vero e proprio simbolo di musica preconfezionata, fatta per le masse e prodotta senza la consapevolezza di cosa significhi fare musica in autonomia.

Un programma criticato

    Sebbene questo software abbia messo tutti quanti nelle condizioni di produrre un brano o addirittura un intero album, in verità i detrattori dell'auto-tune hanno puntualizzato che l'eccessivo utilizzo di questa realtà, ha causato dei danni permanenti sl panorama musicale. Contro l'auto-tune si sono schierati numerosi artisti, i quali rifiutano questo uso eccessivo e improprio della tecnologia, in una realtà umana e sentimentale come la musica. Jay-Z ha recentemente denunciato, attraverso un singolo che ha pubblicato intitolato D.O.A (Death of Auto-Tune), l'abuso, nel mondo della musica, di questo correttore musicale. Il 10 Agosto del 2009 invece, Christina Aguilera si è mostrata al pubblico di Los Angeles, sfilando con una maglietta con su scritto “Auto tune is for pussies”. Andy Hildebrand , l'inventore di questo programma, a tutti coloro che odiano la sua creazione, in un'intervista a dichiarato le seguenti affermazioni: “Ho creato qualcosa che la gente ama odiare, questo è sicuro. Ma è la stessa gente che odia un sacco di cose, tipo pagare le tasse e roba simile “

    Rivalutazioni

      Per alcuni artisti invece, questa realtà, di cui il rap, ma soprattutto la trap fa un uso abbondante, pensano che, se usato in giuste dosi, può anche rivelarsi utile e originale. Ebbene puntualizzare che non tutti i software creano certe divisioni sociali, perché molti vengono impiegati nella quotidianità di tutti e risultano necessari per svolgere attività che sono ormai divenute banali. Realizzare un programma non è per nulla facile, serve una buona conoscenza del linguaggio di programmazione e una buona base nel campo dell'informatica. Lo sviluppo software a Roma gestito da areasoftware mette a disposizione personale competente in grado di rispondere alle tue esigenze e alla realizzazione di un programma orientato sui tuoi bisogni. Cosa stai aspettando? Vai a scoprire il mondo della programmazione e usufruisci di tutti i suoi vantaggi.

       

      Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

      Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

      Chiudi