Dalla birra all’industria chimica: i tanti usi del rifrattometro

da-socialsud.it
Foto da socialsud.it

 

Produrre una buona birra a casa non è mai un’operazione semplice; occorre saper scegliere e trattare gli ingredienti, conoscere le diverse fasi di lavorazione e disporre dei giusti attrezzi del mestiere, come il rifrattometro brix.

Questo strumento è molto utile per calcolare la gradazione zuccherina del mosto durante lo sparging e capire quando si può terminare la fase di risciacquo delle trebbie. C’è però anche chi utilizza il rifrattometro per verificare la densità in bollitura e prima della fermentazione così da riconoscere l’estratto originale della birra. Tuttavia, per dovere di cronaca, bisogna dire che su quest ultimo punto in realtà i birrai home made si dividono in due schieramenti: quelli che utilizzano il rifrattometro anche nella fase precedente alla fermentazione e chi invece ritiene più affidabili i risultati prodotti dal densimetro.

Quel che è certo è che quando si parla di rifrattometro si parla di un mezzo di misurazione piuttosto affidabile e a dimostrarlo è il suo largo utilizzo in ambito scientifico. A fornire i numerosi laboratori chimici di questa strumentazione digitale all’avanguardia ci pensano aziende come Emme 3, leader dal 1985 nella produzione di macchinari da laboratorio in grado di soddisfare ogni tipo di esigenza lavorativa.

Tutti i rifrattometri Emme 3 sono ad alta risoluzione e dotati di controllo della temperatura a celle Peltier. L’accuratezza nella misurazione è garantita dalle certificazioni di conformità FDA e GMP (Good Manifacturing Practice).

Come appena visto con la birra, il campo dell’industria alimentare e delle bevande è uno dei principali settori in cui i rifrattometri digitali brix possono operare, ma, in realtà, i campi di applicazione sono molto più numerosi. Si spazia infatti dal settore farmaceutico a quello petrolchimico, dai cosmetici alle fragranze fino ai test tossicologici.

Per essere certi della scelta del prodotto acquistato Emme 3 permette inoltre di effettuare una prova gratuita del rifrattometro, oppure di inviare un campione di materiale come test per ricevere un’analisi gratuita dello stesso.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi