Spazi condivisi in ufficio: le regole per una serena collaborazione

da-blog.kaspersky.it_
Foto da blog.kaspersky.it

L’open space, la forma di ufficio più diffusa al momento, sembra iniziare a perdere il suo fascino. Secondo uno studio condotto dalla Auckland University of Technology, infatti, i dipendenti che condividono lo spazio di lavoro con più di due persone tendono a stringere con più difficoltà rapporti di amicizia e a essere più diffidenti; sembra anche che siano meno collaborativi e produttivi.

 

Questa moda, arrivata ormai da qualche anno dagli Stati Uniti, viene messa sempre più in discussione e il desiderio di erigere pareti divisorie in cartongesso e muri in cemento tra la propria scrivania e quella del collega a fianco sembra crescere di giorno in giorno. Tuttavia, finché non si potrà intervenire con una ristrutturazione radicale degli ambienti, ricreando uffici separati, sale riunioni e ambienti meno rumorosi, l’unica cosa che resta da fare è cercare di convivere con gli altri il più serenamente possibile, mettendo in pratica poche e semplici regole.

 

Ecco le 5 parole chiave per sopravvivere in un open space.

Educazione

Tieni il cellulare in modalità silenzioso e non parlare al telefono o con altri colleghi usando un tono di voce troppo alto; non disturbare o decocentrare dal lavoro i tuoi vicini di scrivania: verrà molto apprezzato.

Mediazione

Farsi portatori di soluzioni costruttive e appianare eventuali contrasti e discussioni ti aiuterà a creare un clima più amichevole e a vivere la tua giornata di lavoro in modo sereno e produttivo.

Chiarezza

Essere chiari e trasparenti con gli altri è importante per evitare di essere oggetto di critiche o pettegolezzi. Dì apertamente quello che ti infastidisce e argomenta il perché: i colleghi non sono mai nemici da combattere.

Ironia

Cedere alle provocazioni? Mai! Meglio scherzarci sopra e rispondere con una buona dose di autoironia: aiuterà ad appianare le tensioni e a riportare l’armonia in ufficio.

Positività

Appurato che l’open space proprio non ti piace, cerca comunque il lato positivo di questo ambiente di lavoro. Dal momento che ti puoi rivolgere direttamente ai tuoi colleghi, non dovrai più fare un numero infinito di telefonate per avere un’informazione, aumentando e ottimizzando di molto la tua produttività.

 

Articolo scritto in collaborazione con Prismac

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi